“Dal Grande Fratello a Matrix?” :ilSicilia.it

La nostra società non è basata sul merito, ma fondamentalmente sul falso merito

“Dal Grande Fratello a Matrix?”

di
7 Marzo 2020

Carissimi a questo punto restano poche parole da dire.

Le vere difficoltà all’orizzonte svelano la pochezza e l’inadeguatezza di una classe dirigente a tutti i livelli della politica e dell’amministrazione del nostro paese.

Affidarsi a soggetti nominati, frutto di sistemi selettivi sbagliati, di improvvisazione, di mercato di dilettanti allo sbaraglio insieme a vecchie figure che da anni si alimentano di queste risorse per perpetrare il proprio potere e il proprio ego, ha ormai evidentemente palesato un grande fallimento.

Bisognerà riprogettare la nostra società, partendo si da una nuova mentalità collettiva ma soprattutto dagli uomini. Pensavamo che con i movimenti si potesse azzerare e correggere il tutto, ma questi sono stati soltanto uno strumento necessario, un punto di provocazione intermedio, dal quale potere ricostruire il tutto.

La nostra società non è basata sul merito, ma fondamentalmente sul falso merito.

Il dubbio di vivere un grande “Matrix” supera quello ormai datato di vivere alla presenza costante di un “Grande Fratello”, non ci sono a mio parere “grandi fratelli” dietro tutti, ma soltanto “fratelli”, il termine “grande”, scusate la cacofonia è “troppo grande” per costoro. Esistono solo gruppi momentanei di potere, comitati d’affari che dietro le quinte cercano solo il profitto ma soprattutto il voler mettere sé stessi su tutti e davanti a tutti. Tutto ciò che ci scandalizza oggi e viene fuori è ben poca cosa e finiamo per trovarci davanti a numeri che se confrontati alle vere democrazie capitalistiche appaiono ridicoli.

Le lobbie americane sono alla luce del sole, ma sono comitati di potere che si alternano a sostegno dei presidenti e ne condizionano poi, passando a riscuotere le politiche.

Il nostro è un sistema basato sull’ipocrisia, su ciò che non si deve dire o sapere e sulla incapacità di provare rossore.

La nostra è una realtà falsamente competitiva, non si cresce e non si può crescere poiché è livellata al basso e fa di tutto per tenere la gente lontano dalla cosa pubblica, dalle istituzioni e dalle urne.

Non esiste il termine “grande” da associare alle figure contemporanee perché non è esistita una vera e propria gavetta, una naturale selezione temporanea.

Ho sempre lamentato il poco spazio per i giovani e la gerontocrazia poiché ormai quei pochi giovani catapultati al centro della ribalta o rappresentavano soggetti con la “sindrome di Angiolini” o addirittura erano clonazioni generazionali auto perpetratisi per mantenere fissi interessi familiari.

L’indotto senso di angoscia creato ad arte per far credere che dopo di loro l’unica alternativa sia il diluvio, la falsa affermazione che all’orizzonte non si scorgano figure alternative, serve solo a perpetrare il pessimo concetto del “meglio il cattivo conosciuto che il buono da conoscere”, di per sé affermazione di una precisa volontà a non volere, ma soprattutto a non sapere crescere.

Dietro una artefatta presentazione della realtà, una distratta attenzione popolare, la propaganda e la cattiva informazione c’è l’ego e il potere di falsi leader che “afferrato” il potere, finiscono per condizionare periodi se non proprio epoche e i risultati delle loro politiche, si potranno stimare come si fa con la spazzatura per terra lasciata alla fine di un evento o al momento della pulizia di una piazza che ha ospitato un mercatino.

La sensazione che tutto sia compromesso e altamente truccato diventa sempre più palese e lo sarà finché esisteranno caste e cerchi magici e non ci dovremo scandalizzare quando questi evidenzieranno comitati d’interesse, ma guardiamoli come evoluzioni naturali di una atavica debolezza umana.

Un abbraccio Epruno

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.