Dal palcoscenico alle librerie: Dario Muratore presenta "Tripolis" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

la presentazione il 16 ottobre

Dal palcoscenico alle librerie: Dario Muratore presenta “Tripolis” | Video intervista

14 Ottobre 2019

Guarda la video intervista in alto 

Scrivere e raccontare per rintracciare le proprie radici, quelle familiari e non solo.

In “Tripolis“, opera di Dario Muratore, autore e interprete, c’è questa necessaria ricerca che, attraverso la messa in scena teatrale prima e adesso anche nella forma di un libro, edito da Torri del Vento, richiama al presente interrogativi del passato riscoprendo memorie significative ed esplicative che si ricollegano alla storia contemporanea.

Ad un anno dal debutto sulle scene il testo dello spettacolo è diventato opera letteraria, che verrà presentata al Teatro Garibaldi mercoledì 16 ottobre ore 18,30, al fianco dell’autore anche Guido Valdini, Filippa Ilardo e Beatrice Monroy, e mette nero su bianco, attingendo alla forma narrativa propria della Sicilia, il cuntu e il dialetto, questo legame nonna/nipote, unico canale possibile per accedere alla storia di un’intera famiglia ma anche di un’epoca.

È nonna Maria l’unica che può assolvere al desiderio di Carmelo, quel nipote un po’ irrequieto che cerca la verità, che è “stanco di questo imbroglio” lasciato alla dimenticanza. “Nonnù, nonnuzza bella, questa è la mia grande occasione: da giovane posso diventare signore“.

Pronta la risposta di Maria che saggiamente comincia un racconto con l’immagine del cuscus, metafora delle relazioni umane perché per crescere “un cocciu s’ava incucciari c’un’avutru cocciu“.

Tripolis Dario Muratore
Dario Muratore

Parte da qui il percorso a ritroso in cui si ripercorrerà un secolo di vita, di storia, di morte ma soprattutto d’incontro tra due identità, nella colonia italiana di Tripoli, in quella del colonizzatore e del colonizzato, quella italiana e quella araba, che si ritrovano a condividere una terra, una città, un deserto. Due anime e uno stesso dolore.

L’ultima prospettiva del racconto, con tutte le sue implicazioni anche, è il ribaltamento della situazione politica restituendo agli indigeni, gli arabi, la loro supremazia sugli italiani, divenuti “ajsnabi“, stranieri.

Sogno e mistero, come sottolinea nella prefazione di Tripolis Stefano Randisi, si mescolano rendendo un’incarnazione della scrittura scenica emozionante e lirica a tratti.

Sono inoltre frammenti di documenti originali dell’epoca e fotografie a raccontare, tra il dialetto siciliano e la lingua araba, a cui sono dedicati due glossari curati da Sara Calvario, di trame sì familiari ma in generale “umane” che, fatalmente, risultano di straordinaria attualità.

Il libro, infine, si arricchisce anche dei contributi di Vincenza Di Vita (Come custodire una stella in mano ovvero sogno e gioco nella poetica di Dario Muratore) e del giornalista svizzero-tedesco Renè Ammann (Rimedi Scaduti).

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.