15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.57

L'appello di Bergoglio ai mafiosi nel nome di Padre Puglisi

Dal Papa un’ultima possibilità ai boss: “Fratelli e sorelle convertitevi o sarà l’inferno”

16 Settembre 2018

Fede e hispanidad a prima vista fra la Sicilia e Jorge Mario Bergoglio. L’esprit ispanico dei siciliani riconosce l’anima argentina del Pontefice. Parlano un unico linguaggio. Lanciano gli stessi sguardi. Gesticolano e sorridono istintivamente. Ecco perchè, anche se fugace, la visita pastorale di Papa Francesco a Piazza Armerina e a Palermo è destinata a lasciare una traccia profonda nell’Isola.

Bergoglio ha letteralmente conquistato l’animo dei siciliani, ha vinto la loro diffidenza e li ha commossi fino alle lacrime. E non ha lasciato indifferente anche il lato oscuro della Sicilia, quello della mafia. Anzi con Cosa nostra Papa Francesco ha ingaggiato un dialogo unilaterale a distanza, facendo chiaramente intendere a padrini e gregari delle cosche che sono all’ultima fermata prima dell’infermo del carcere a vita.

Sulle orme di don Pino Puglisi, col tono pacato del padre misericordioso, Francesco ha offerto un’ultima possibilità di autentica redenzione anche ai boss più feroci e irriducibili, anche ai capimafia che il 15 settembre del 1993 ordinarono a un killer di assassinare con un colpo alla testa il parroco missionario.

Eroe inconsapevole e mite rivoluzionario della fede Padre Puglisi col Vangelo in mano mostrava ai giovani delle periferie palermitane la differenza fra il bene e il male, fra l’amore e l’odio. Una differenza che nessuno aveva mai concretamente mostrato loro. Quasi sussurrando Bergoglio ha pronunciato parole destinate a fare breccia nei cuori induriti e spietati di impenetrabili criminali mafiosi e a insinuare dubbi nelle mentalità ancestrali di quanti si ostinano a rinunciare anche all’affetto dei figli e delle mogli pur di non pentirsi e collaborare con la giustizia.

Oltretutto parole di pace e non di contrapposizione quelle del Pontefice, che non ha esitato a definire “fratelli e sorelle” i mafiosi per poi precisare però che “non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Abbiamo bisogno – ha sottolineato il Papa – di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere”. E poi l’appello: “Voi sapete che il sudario non ha tasche, non potreste portare niente con voi. Convertitevi a Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte”. Se il seme della speranza di una conversione germoglierà e si trasformerà in pentimento di esponenti mafiosi, Don Pino Puglisi e Papa Francesco avranno davvero compiuto il miracolo di segnare probabilmente l’inizio della fine della mafia.

(Gianfranco D’Anna, per Italpress)

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.