Dal Papa un'ultima possibilità ai boss: "Fratelli e sorelle convertitevi o sarà l'inferno" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'appello di Bergoglio ai mafiosi nel nome di Padre Puglisi

Dal Papa un’ultima possibilità ai boss: “Fratelli e sorelle convertitevi o sarà l’inferno”

di
16 Settembre 2018

Fede e hispanidad a prima vista fra la Sicilia e Jorge Mario Bergoglio. L’esprit ispanico dei siciliani riconosce l’anima argentina del Pontefice. Parlano un unico linguaggio. Lanciano gli stessi sguardi. Gesticolano e sorridono istintivamente. Ecco perchè, anche se fugace, la visita pastorale di Papa Francesco a Piazza Armerina e a Palermo è destinata a lasciare una traccia profonda nell’Isola.

Bergoglio ha letteralmente conquistato l’animo dei siciliani, ha vinto la loro diffidenza e li ha commossi fino alle lacrime. E non ha lasciato indifferente anche il lato oscuro della Sicilia, quello della mafia. Anzi con Cosa nostra Papa Francesco ha ingaggiato un dialogo unilaterale a distanza, facendo chiaramente intendere a padrini e gregari delle cosche che sono all’ultima fermata prima dell’infermo del carcere a vita.

Sulle orme di don Pino Puglisi, col tono pacato del padre misericordioso, Francesco ha offerto un’ultima possibilità di autentica redenzione anche ai boss più feroci e irriducibili, anche ai capimafia che il 15 settembre del 1993 ordinarono a un killer di assassinare con un colpo alla testa il parroco missionario.

Eroe inconsapevole e mite rivoluzionario della fede Padre Puglisi col Vangelo in mano mostrava ai giovani delle periferie palermitane la differenza fra il bene e il male, fra l’amore e l’odio. Una differenza che nessuno aveva mai concretamente mostrato loro. Quasi sussurrando Bergoglio ha pronunciato parole destinate a fare breccia nei cuori induriti e spietati di impenetrabili criminali mafiosi e a insinuare dubbi nelle mentalità ancestrali di quanti si ostinano a rinunciare anche all’affetto dei figli e delle mogli pur di non pentirsi e collaborare con la giustizia.

Oltretutto parole di pace e non di contrapposizione quelle del Pontefice, che non ha esitato a definire “fratelli e sorelle” i mafiosi per poi precisare però che “non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Abbiamo bisogno – ha sottolineato il Papa – di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere”. E poi l’appello: “Voi sapete che il sudario non ha tasche, non potreste portare niente con voi. Convertitevi a Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte”. Se il seme della speranza di una conversione germoglierà e si trasformerà in pentimento di esponenti mafiosi, Don Pino Puglisi e Papa Francesco avranno davvero compiuto il miracolo di segnare probabilmente l’inizio della fine della mafia.

(Gianfranco D’Anna, per Italpress)

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.