Dal Papa un'ultima possibilità ai boss: "Fratelli e sorelle convertitevi o sarà l'inferno" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'appello di Bergoglio ai mafiosi nel nome di Padre Puglisi

Dal Papa un’ultima possibilità ai boss: “Fratelli e sorelle convertitevi o sarà l’inferno”

di
16 Settembre 2018

Fede e hispanidad a prima vista fra la Sicilia e Jorge Mario Bergoglio. L’esprit ispanico dei siciliani riconosce l’anima argentina del Pontefice. Parlano un unico linguaggio. Lanciano gli stessi sguardi. Gesticolano e sorridono istintivamente. Ecco perchè, anche se fugace, la visita pastorale di Papa Francesco a Piazza Armerina e a Palermo è destinata a lasciare una traccia profonda nell’Isola.

Bergoglio ha letteralmente conquistato l’animo dei siciliani, ha vinto la loro diffidenza e li ha commossi fino alle lacrime. E non ha lasciato indifferente anche il lato oscuro della Sicilia, quello della mafia. Anzi con Cosa nostra Papa Francesco ha ingaggiato un dialogo unilaterale a distanza, facendo chiaramente intendere a padrini e gregari delle cosche che sono all’ultima fermata prima dell’infermo del carcere a vita.

Sulle orme di don Pino Puglisi, col tono pacato del padre misericordioso, Francesco ha offerto un’ultima possibilità di autentica redenzione anche ai boss più feroci e irriducibili, anche ai capimafia che il 15 settembre del 1993 ordinarono a un killer di assassinare con un colpo alla testa il parroco missionario.

Eroe inconsapevole e mite rivoluzionario della fede Padre Puglisi col Vangelo in mano mostrava ai giovani delle periferie palermitane la differenza fra il bene e il male, fra l’amore e l’odio. Una differenza che nessuno aveva mai concretamente mostrato loro. Quasi sussurrando Bergoglio ha pronunciato parole destinate a fare breccia nei cuori induriti e spietati di impenetrabili criminali mafiosi e a insinuare dubbi nelle mentalità ancestrali di quanti si ostinano a rinunciare anche all’affetto dei figli e delle mogli pur di non pentirsi e collaborare con la giustizia.

Oltretutto parole di pace e non di contrapposizione quelle del Pontefice, che non ha esitato a definire “fratelli e sorelle” i mafiosi per poi precisare però che “non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Abbiamo bisogno – ha sottolineato il Papa – di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere”. E poi l’appello: “Voi sapete che il sudario non ha tasche, non potreste portare niente con voi. Convertitevi a Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte”. Se il seme della speranza di una conversione germoglierà e si trasformerà in pentimento di esponenti mafiosi, Don Pino Puglisi e Papa Francesco avranno davvero compiuto il miracolo di segnare probabilmente l’inizio della fine della mafia.

(Gianfranco D’Anna, per Italpress)

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti