17 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.58

L'appello di Bergoglio ai mafiosi nel nome di Padre Puglisi

Dal Papa un’ultima possibilità ai boss: “Fratelli e sorelle convertitevi o sarà l’inferno”

16 Settembre 2018

Fede e hispanidad a prima vista fra la Sicilia e Jorge Mario Bergoglio. L’esprit ispanico dei siciliani riconosce l’anima argentina del Pontefice. Parlano un unico linguaggio. Lanciano gli stessi sguardi. Gesticolano e sorridono istintivamente. Ecco perchè, anche se fugace, la visita pastorale di Papa Francesco a Piazza Armerina e a Palermo è destinata a lasciare una traccia profonda nell’Isola.

Bergoglio ha letteralmente conquistato l’animo dei siciliani, ha vinto la loro diffidenza e li ha commossi fino alle lacrime. E non ha lasciato indifferente anche il lato oscuro della Sicilia, quello della mafia. Anzi con Cosa nostra Papa Francesco ha ingaggiato un dialogo unilaterale a distanza, facendo chiaramente intendere a padrini e gregari delle cosche che sono all’ultima fermata prima dell’infermo del carcere a vita.

Sulle orme di don Pino Puglisi, col tono pacato del padre misericordioso, Francesco ha offerto un’ultima possibilità di autentica redenzione anche ai boss più feroci e irriducibili, anche ai capimafia che il 15 settembre del 1993 ordinarono a un killer di assassinare con un colpo alla testa il parroco missionario.

Eroe inconsapevole e mite rivoluzionario della fede Padre Puglisi col Vangelo in mano mostrava ai giovani delle periferie palermitane la differenza fra il bene e il male, fra l’amore e l’odio. Una differenza che nessuno aveva mai concretamente mostrato loro. Quasi sussurrando Bergoglio ha pronunciato parole destinate a fare breccia nei cuori induriti e spietati di impenetrabili criminali mafiosi e a insinuare dubbi nelle mentalità ancestrali di quanti si ostinano a rinunciare anche all’affetto dei figli e delle mogli pur di non pentirsi e collaborare con la giustizia.

Oltretutto parole di pace e non di contrapposizione quelle del Pontefice, che non ha esitato a definire “fratelli e sorelle” i mafiosi per poi precisare però che “non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Abbiamo bisogno – ha sottolineato il Papa – di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere”. E poi l’appello: “Voi sapete che il sudario non ha tasche, non potreste portare niente con voi. Convertitevi a Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte”. Se il seme della speranza di una conversione germoglierà e si trasformerà in pentimento di esponenti mafiosi, Don Pino Puglisi e Papa Francesco avranno davvero compiuto il miracolo di segnare probabilmente l’inizio della fine della mafia.

(Gianfranco D’Anna, per Italpress)

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.