28 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57
Palermo

appuntamento giovedì 11 aprile

Dal pop al reggae a Palermo tornano gli “Skruscio”

10 Aprile 2019

Tornano, giovedì 11 aprile, le sonorità pop, italiane, latine, cubane e brasiliane, e ancora rock e reggae del gruppo musicale Skruscio, alle ore 21, da Vincentro, in piazzetta Bagnasco, 3 a Palermo. Ingresso libero. La formazione composta da Karima Monti, voce, Massimiliano Martino, chitarra, Giovanni Militello alla batteria e Placido Amato al basso, eseguirà brani noti come Oggi sono io, America, Un’ora sola ti vorrei, Mas que nada, Chan Chan.

Il genere musicale degli Skruscio

Gli Skruscio nascono nella primavera del 2013, a Palermo, dall’incontro tra la ricchezza espressiva dei quattro artisti siciliani che si fonde con l’interpretazione del sentimento latino. Disinvolti gli accordi alla chitarra di Massimiliano Martino e Placido Amato al basso. Le sonorità, si muovono tra salsa, rumba, bossa nova, axè, reggae, flamenco, tango, rock latino e merengue, seguendo il battito vitale del ritmo delle percussioni di Giovanni Militello, riscaldati, sostenuti e colorati dalla calda voce di Karima Monti.

La storia del gruppo

I membri fondatori del gruppo, Karima Monti, Massimiliano Martino, Giovanni Militello e Placido Amato, detti Skruscini, provengono da una ricca esperienza artistica maturata nel corso degli anni individualmente e in diverse formazioni, attraverso diversi generi musicali. Tutto nasce una sera in cui i quattro artisti siciliani si incontrano in un salotto e, tra un bicchiere di vino ed una fetta di torta, giocano con classici brani della musica italiana e del rock, colorandoli del sentimento e delle note latine. U “scrusciu” sentito quella sera fa eco e risuona oggi nei maggiori locali, in feste private, sui litorali e nelle piazze siciliane.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.