Dal Quirinale a Palermo: Mimmo e Giacomo Cuticchio danno vita alle gesta di Orlando :ilSicilia.it
Palermo

All'interno del programma degli Amici della Musica

Dal Quirinale a Palermo: Mimmo e Giacomo Cuticchio danno vita alle gesta di Orlando

di
8 Aprile 2018

Un viaggio in un tempo senza tempo, dove il cunto antico di Mimmo Cuticchio e la musica contemporanea del figlio Giacomo si scambiano intenzioni, si cedono il passo vicendevolmente, sulle gesta di Orlando, valoroso paladino, l’eroe per eccellenza.

La stagione 2018 di Amici della Musica di Palermo, con la direzione artistica di Donatella Sollima, accoglie lo spettacolo concerto “A singolar tenzone! Duelli tra musiche e parole sul paladino Orlando”, prodotto dall’Associazione figli d’arte Cuticchio.

mimmo-cuticchio

Appuntamento il 9 aprile (ore 17.15) come sempre sul palcoscenico del Politeama Garibaldi, dove si replicherà lo spettacolo che ha debuttato a ottobre al Quirinale e che viene rappresentato per la prima volta a Palermo.

Il cunto è affidato a Mimmo Cuticchio e le musiche al figlio Giacomo che siederà anche al pianoforte; primo violino Marco Badami, secondo violino Filippo Di Maggio, viola Massimo Cantone, violoncello Paolo Pellegrino, sax soprano Nicola Mogavero, fagotto Filippo Barracato, tromba Sergio Caltagirone, trombone Fabio Piro.

Un racconto focalizzato sulla drammatica e spettacolare rotta di Roncisvalle, dove troveranno la morte Orlando e altri trecento impavidi paladini. Per la prima volta i temi musicali della battaglia, del galoppo, del lamento, della marcia reale, che Giacomo Cuticchio ha composto appositamente per questo viaggio, si uniscono ai ritmi, ai toni e alla possente vocalità di Mimmo Cuticchio, capace di interpretare oltre quaranta personaggi diversi e trasformare il cunto in canto.

Un’opera per voce e musica, nella quale la narrazione tiene le fila del racconto e la musica ne sottolinea e ne esalta i ritmi e l’emozione.

Oltre alla suite di fiati, legni, ottoni ed archi, strumento portante è il pianoforte, omologo del piano a cilindro negli spettacoli tradizionali, che Giacomo suonava da bambino agli inizi del suo apprendistato di oprante.

mimmo-cuticchio

Se Mimmo Cuticchio, prendendo le mosse dal cuore profondo della tradizione dell’Opera dei pupi, l’ha rilanciata in una prospettiva contemporanea e al contempo ha salvato dall’oblio il cunto, rimarcando sempre la propria discendenza dai maestri del passato.

Giacomo, invece, ha mosso i suoi primi passi di oprante-musicista sul terreno fertilissimo arato dal padre; successivamente il suo incontro con l’opera di Philip Glass e l’amore per la musica antica, rinascimentale e barocca lo hanno spinto verso una ricerca sonora originale, per molti versi analoga a quella del padre, oggi riconosciuto il massimo innovatore dell’Opra.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin