Dal Quirinale a Palermo: Mimmo e Giacomo Cuticchio danno vita alle gesta di Orlando :ilSicilia.it
Palermo

All'interno del programma degli Amici della Musica

Dal Quirinale a Palermo: Mimmo e Giacomo Cuticchio danno vita alle gesta di Orlando

di
8 Aprile 2018

Un viaggio in un tempo senza tempo, dove il cunto antico di Mimmo Cuticchio e la musica contemporanea del figlio Giacomo si scambiano intenzioni, si cedono il passo vicendevolmente, sulle gesta di Orlando, valoroso paladino, l’eroe per eccellenza.

La stagione 2018 di Amici della Musica di Palermo, con la direzione artistica di Donatella Sollima, accoglie lo spettacolo concerto “A singolar tenzone! Duelli tra musiche e parole sul paladino Orlando”, prodotto dall’Associazione figli d’arte Cuticchio.

mimmo-cuticchio

Appuntamento il 9 aprile (ore 17.15) come sempre sul palcoscenico del Politeama Garibaldi, dove si replicherà lo spettacolo che ha debuttato a ottobre al Quirinale e che viene rappresentato per la prima volta a Palermo.

Il cunto è affidato a Mimmo Cuticchio e le musiche al figlio Giacomo che siederà anche al pianoforte; primo violino Marco Badami, secondo violino Filippo Di Maggio, viola Massimo Cantone, violoncello Paolo Pellegrino, sax soprano Nicola Mogavero, fagotto Filippo Barracato, tromba Sergio Caltagirone, trombone Fabio Piro.

Un racconto focalizzato sulla drammatica e spettacolare rotta di Roncisvalle, dove troveranno la morte Orlando e altri trecento impavidi paladini. Per la prima volta i temi musicali della battaglia, del galoppo, del lamento, della marcia reale, che Giacomo Cuticchio ha composto appositamente per questo viaggio, si uniscono ai ritmi, ai toni e alla possente vocalità di Mimmo Cuticchio, capace di interpretare oltre quaranta personaggi diversi e trasformare il cunto in canto.

Un’opera per voce e musica, nella quale la narrazione tiene le fila del racconto e la musica ne sottolinea e ne esalta i ritmi e l’emozione.

Oltre alla suite di fiati, legni, ottoni ed archi, strumento portante è il pianoforte, omologo del piano a cilindro negli spettacoli tradizionali, che Giacomo suonava da bambino agli inizi del suo apprendistato di oprante.

mimmo-cuticchio

Se Mimmo Cuticchio, prendendo le mosse dal cuore profondo della tradizione dell’Opera dei pupi, l’ha rilanciata in una prospettiva contemporanea e al contempo ha salvato dall’oblio il cunto, rimarcando sempre la propria discendenza dai maestri del passato.

Giacomo, invece, ha mosso i suoi primi passi di oprante-musicista sul terreno fertilissimo arato dal padre; successivamente il suo incontro con l’opera di Philip Glass e l’amore per la musica antica, rinascimentale e barocca lo hanno spinto verso una ricerca sonora originale, per molti versi analoga a quella del padre, oggi riconosciuto il massimo innovatore dell’Opra.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.