Dalla Basilicata a Palermo: in mostra il progetto turistico di Fucina Madre | VIDEO SERVIZIO :ilSicilia.it
Palermo

Tra artigianato e design

Dalla Basilicata a Palermo: in mostra il progetto turistico di Fucina Madre | VIDEO SERVIZIO

di
31 Ottobre 2018

Guarda il video servizio in alto 

Tra i numerosi progetti presenti nella VII edizione di I-Design, la manifestazione ideata e curata da Daniela Brignone, sull’onda dell’apertura al territorio nazionale e nella visione più ampia di incontro e scambio, è presente a Palermo fino al 4 novembre, alla Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, l’esposizione di “Fucina Madre“.

fucina madre

Nato come progetto turistico integrato per far conoscere e promuovere i percorsi della grande tradizione artigiana della Basilicata, che affonda le sue radici nella pratica millenaria del “saper fare”,  offre una selezione di 26 progetti, rappresentativi dell’intera regione, dove si può ammirare il felice incontro tra tradizione e innovazione.

Tra borghi arroccati e città d’arte, artigianato e produzione creativa sono il miglior biglietto da visita per scoprire la regione del Sud dell’Italia, che vedrà Matera Capitale Europea della Cultura 2019, Patrimonio dell’Umanità.

Palmarosa Fuccella Fucina Madre

Su queste premesse, ci ha detto nella video intervista Palmarosa Fuccella, nasce Fucina Madre, un progetto attraverso cui l’APT intende comunicare la Basilicata dell’artigianato e del design quale elemento cardine di un sistema turistico-culturale strutturato, con percorsi di viaggio, eventi, appuntamenti tematici, contenuti web e attività social dedicate.

Ogni pezzo esposto sintetizza, con cura e stile particolari, lo sguardo alla storia di ieri, patrimonio da non tralasciare, con lo sviluppo tecnologico che, con nuovi mezzi, permette la realizzazione di oggetti non solo funzionali ma anche belli.

fucina madre

Dai gioielli che traggono spunto dai reperti archeologici, agli oggetti in legno che riprendono le forme degli antichi stampi usati per “timbrare” il pane; e poi ancora artigianato tessile e antichi ricami fatti a mano che diventano medaglioni unici. Sono solo degli esempi dell’offerta, ricca, di una regione tutta da scoprire.

In quest’ottica, mercoledì 31 ottobre, nella Chiesa di San Mattia ai Crociferi dalle ore 21, si svolgerà la “Serenata lucana“, un concerto con canti e suoni tradizionali con il Quintetto d’Archi Meridies, Gabriella Russo, Enzo Izzi, Michel Franza e Nicole Millo. Ingresso libero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.