Dalla Danimarca alla scoperta di Palermo: tre giornalisti visitano ilSicilia.it | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Giornalisti a confronto

Dalla Danimarca alla scoperta di Palermo: tre giornalisti visitano ilSicilia.it | VIDEO

13 Giugno 2018

 

PALERMO – Tre giovani giornalisti danesi del quotidiano “Ekstra Bladet” hanno raggiunto la redazione de ilSicilia.it per scoprire le dinamiche del giornalismo online in Sicilia. Alla fine del tour formativo e dell’incontro con alcuni colleghi palermitani, Henrik Houlberg Petersen, Anders Zacho, Jonas Jung hanno raccontato ai nostri microfoni la loro esperienza a Palermo: un viaggio tra stereotipi, street food, mare e cultura.

Si scopre, ad esempio, che il titolo di Palermo Capitale della Cultura 2018, seppur importante a livello turistico, non arriva facilmente oltre lo Stivale. I tre giornalisti hanno già incontrato il console onorario di Danimarca Maria Carolina Castellucci. Fra gli appuntamenti in programma, un incontro con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e un tuffo a Mondello.

Scopri tutti i dettagli nell’intervista video in alto
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.