19 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.54
Palermo

fino al 23 febbraio

Dalla filosofia all’arte: ai Cantieri Culturali la mostra “La ripetizione è una forma di cambiamento”

11 Gennaio 2019

Dalle riflessioni filosofiche alla creazione artistica: parte da qui la mostra collettiva “La ripetizione è una forma di cambiamento” che verrà inaugurata venerdì 18 gennaio (ore 18), presso la Haus der Kunst all’interno dei Cantieri Culturali della Zisa.

L’esposizione, a cui prenderanno parte 14 artisti provenienti da contesti e esperienze diversi, non si propone di esprimere la teoria enunciata nel titolo, bensì si pone come un cantiere aperto, un punto di partenza per generare dialoghi aperti e in costante evoluzione.

La ripetizione è una forma di cambiamento” è una frase contenuta in “Strategie Oblique”, opera prodotta nel 1975 dal musicista Brian Eno e dall’artista Peter Schmidt, che consiste in una serie di aforismi e consigli che artisti e musicisti utilizzano per superare i blocchi creativi.

ripetizione

La frase sottintende che l’identico non esiste, come in “Differenza e ripetizione” di Gilles Deleuze, in cui il filosofo francese afferma che “tutte le identità sono simulate, prodotte come un effetto ottico per mezzo di un gioco più profondo che è quello della differenza e della ripetizione”.

Deleuze sosteneva altresì la necessità di distinguere fra due tipi di ripetizione: la prima, che lui definisce “vestita”, è un’unica reiterazione astratta che incessantemente torna su sé stessa per affermare il differente come tale. Ciò che si ripete quindi non è identico, ma è identico il ripetersi di ciò che si ripete.

La seconda, che il filosofo definisce “nuda”, è il mondo delle copie, dove la differenza è ridotta a somiglianza, ad analogia, a negativo e a identico ovvero alle quattro modalità della similitudine descritti da Foucault ne “Le parole e le cose”.

La ripetizione è una costante nella vita di ogni essere umano, la ripetizione come azione, come metodo d’ordine, archiviazione, come ciclo vitale, e in natura, e più probabilmente in ogni cosa esistente.

Gli artisti invitati alla mostra si sono concentrati sulla ripetizione in ambito formale riferendosi alle figure geometriche, il punto, la linea, i poligoni e i solidi, declinando la propria ricerca sulla base di questi paradigmi.

La mostra rimarrà aperta al pubblico, nei giorni di giovedì, venerdì, sabato (dalle 16 alle 19), fino al 23 febbraio.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.