19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

fino al 23 febbraio

Dalla filosofia all’arte: ai Cantieri Culturali la mostra “La ripetizione è una forma di cambiamento”

11 Gennaio 2019

Dalle riflessioni filosofiche alla creazione artistica: parte da qui la mostra collettiva “La ripetizione è una forma di cambiamento” che verrà inaugurata venerdì 18 gennaio (ore 18), presso la Haus der Kunst all’interno dei Cantieri Culturali della Zisa.

L’esposizione, a cui prenderanno parte 14 artisti provenienti da contesti e esperienze diversi, non si propone di esprimere la teoria enunciata nel titolo, bensì si pone come un cantiere aperto, un punto di partenza per generare dialoghi aperti e in costante evoluzione.

La ripetizione è una forma di cambiamento” è una frase contenuta in “Strategie Oblique”, opera prodotta nel 1975 dal musicista Brian Eno e dall’artista Peter Schmidt, che consiste in una serie di aforismi e consigli che artisti e musicisti utilizzano per superare i blocchi creativi.

ripetizione

La frase sottintende che l’identico non esiste, come in “Differenza e ripetizione” di Gilles Deleuze, in cui il filosofo francese afferma che “tutte le identità sono simulate, prodotte come un effetto ottico per mezzo di un gioco più profondo che è quello della differenza e della ripetizione”.

Deleuze sosteneva altresì la necessità di distinguere fra due tipi di ripetizione: la prima, che lui definisce “vestita”, è un’unica reiterazione astratta che incessantemente torna su sé stessa per affermare il differente come tale. Ciò che si ripete quindi non è identico, ma è identico il ripetersi di ciò che si ripete.

La seconda, che il filosofo definisce “nuda”, è il mondo delle copie, dove la differenza è ridotta a somiglianza, ad analogia, a negativo e a identico ovvero alle quattro modalità della similitudine descritti da Foucault ne “Le parole e le cose”.

La ripetizione è una costante nella vita di ogni essere umano, la ripetizione come azione, come metodo d’ordine, archiviazione, come ciclo vitale, e in natura, e più probabilmente in ogni cosa esistente.

Gli artisti invitati alla mostra si sono concentrati sulla ripetizione in ambito formale riferendosi alle figure geometriche, il punto, la linea, i poligoni e i solidi, declinando la propria ricerca sulla base di questi paradigmi.

La mostra rimarrà aperta al pubblico, nei giorni di giovedì, venerdì, sabato (dalle 16 alle 19), fino al 23 febbraio.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.