24 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.22
Ragusa

previsti altri finanziamenti

Dalla Regione oltre quattro milioni per le strade provinciali del Ragusano

28 Agosto 2018

Pioggia di milioni in arrivo per la manutenzione delle strade provinciali del Ragusano. “Il presidente Musumeci – spiega il commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Salvatore Piazza –  oltre a complimentarsi con noi per la quantità di progetti esecutivi che abbiamo presentato, a cominciare dalla messa in sicurezza della strada provinciale 46 Ispica-Pozzallo, col finanziamento di 4,5 milioni grazie ai fondi ex Insicem, ci ha preannunciato che la Regione sta decretando gli impegni finanziari assunti con l’assessore regionale alle Infrastrutture per quasi 6 milioni di euro per una serie di interventi nelle strade provinciali.”

“Alcuni degli interventi – aggiunge – riguarderanno la sistemazione di un tratto della Ragusa-Malavita Santa Croce, nonchè i lavori di rimodellamento a rotatoria dell’incrocio tra la Pozzallo-Marza e Santa Maria del Focallo e l’incrocio tra Santa Croce-Scoglitti e la Dierna Forche, dell’incrocio tra Scicli-Spinazza-Giardinelli e la circonvallazione di Donnalucata nonché dell’incrocio tra Scicli-Santa Croce e Lincino-Spinazza-Donnalucata“.

Oltre a queste somme – conclude Piazzail presidente ha annunciato un altro finanziamento di tre milioni 105 mila euro per la manutenzione di strade provinciali. Si tratta di 1,4 milioni di euro per le strade del comparto ovest e di un milione e 705 mila euro per le strade del comparto est con diversi interventi che miglioreranno la sicurezza delle strade di nostra competenza”.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.