13 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.21
Palermo

Appuntamento giovedì 21 febbraio

Dalla Sicilia all’Hollywood di Milano, il vocalist Martines star della notte stile Formentera | FOTO

19 Febbraio 2019
Danilo Martines
Danilo Martines
Danilo Martines
Danilo Martines con Anane Vega

SCORRI LE FOTO IN ALTO

«Non so se i sogni diventano sempre realtà. Penso che questo succeda quando siamo noi a volerlo». Filosofeggia – un po’ alla Marzullo – Danilo Martines, voce delle notti di Palermo, chiamato a raccontare il suo prossimo traguardo, calcare il palcoscenico di uno dei top-discoclub d’Italia, l’Hollywood di Milano, per una serata ricca di ritmo e di magia, quella del format «One Night in Formentera».

Appuntamento giovedì prossimo, 21 febbraio.

Martines è stato chiamato da Demetrio Cuzzocrea e Mario Stolaj, gli ideatori dello show che porta l’atmosfera e il sound delle Isole Baleari nel cuore delle discoteche italiane. Per la prima volta un siciliano condividerà questa esperienza con gli altri protagonisti dello spettacolo, a partire dal dj Federico Chimirri. «Ho visto Danilo in azione proprio a Formentera, è davvero bravo, a dimostrazione che c’è del talento anche al Sud», dice di lui Demetrio Cuzzocrea, calabrese trapiantato al Nord, dove da anni si è ritagliato un ruolo di organizzatore di grandi eventi.

Danilo Martines, palermitano, ventottenne, è approdato sulla scena delle discoteche dopo altre esperienze nel mondo dello spettacolo. «È cominciato tutto quando avevo 18 anni – racconta – ovvero quando ho frequentato una scuola di recitazione». Quell’attestato fu un trampolino di lancio. Dopo un tirocinio in radio e la conduzione delle tappe siciliane di Miss Mondo e New Model Today, arriva un passaggio in tv, come concorrente del programma «Take me out» su Real Time. Poi la svolta.

Danilo Martines
Danilo Martines con Anane Vega

«Una sera – racconta ancora Danilo Martines – mi venne in mente di cominciare a lavorare come vocalist nelle disco. Inizialmente non fu facile. Ma pian piano sono arrivate le prime serate importanti». Come la presentazione di Gabry Ponte al Mob, il tour di M2O, l’apertura del Festival di Selinunte la scorsa estate. E successivamente la consolle condivisa con mostri sacri come Federico Scavo, Daddy’s Groove, Ananè Vega, Samuele Sartini. «Da ciascuno di loro – spiega il vocalist palermitano – ho imparato qualcosa. Daddy’s Groove è molto tecnico e anche simpatico. Sam Sartini un grande professionista. Anane Vega ha decisamente una marcia in più. È una produttrice eccezionale e ha un grande vantaggio, sa coinvolgere il pubblico facendo scena mentre suona».

Ha anche partecipato a show al fianco di volti noti della tv, come Mercedes Henger e le Donatella.

Tanti palcoscenici, in Sicilia, in Italia e anche all’estero. Giovedì sarà la prima volta alla Hollywood Rythmoteque di Milano, un tempio della dance music, MC (master of ceremonies) di uno spettacolo che ricrea quei party tipici di Formentera che molti ragazzi italiani non riescono a vivere sul posto. Dagli allestimenti (il furgoncino del Chezz Gerdi, il mercato hippy) alla musica (la dance commerciale del Pineta Club) fino alle performance dei ballerini e dei giocolieri di strada, «One Night in Formentera» trascina i ragazzi in una danza senza sosta. Tenere il ritmo per il gran cerimoniere venuto da Palermo non sarà semplice.

«Ma questo genere di serate – conclude Danilo Martines – sono la mia grande passione, intrattenere il pubblico di una discoteca storica come l’Hollywood è una sfida che accetto volentieri. Con la voglia di fare di questa esperienza non certo un traguardo finale, bensì la prima pagina di una storia ancora tutta da scrivere».

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.