Dall'Anas 50 milioni per la Palermo-Catania. Ecco il bando per i viadotti :ilSicilia.it
Catania

Pubblicata oggi la gara scadrà il 29 marzo. I lavori dureranno al massimo 36 mesi

Dall’Anas 50 milioni per la Palermo-Catania. Ecco il bando per i viadotti

24 Febbraio 2017

L’Anas ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi una gara d’appalto finalizzata ad interventi di manutenzione straordinaria per la protezione delle pile in alveo dei viadotti dell’autostrada A19 “Palermo-Catania”, per un investimento complessivo pari a 50 milioni di euro e una durata massima dei lavori, prevista in Accordo Quadro, pari a 36 mesi.

Gli interventi, si legge in una nota della Società, rientrano nel più vasto piano di ammodernamento dell’autostrada che prevede un investimento complessivo pari a 872 milioni di euro per 84 interventi su ponti, viadotti, gallerie e svincoli che, una volta realizzati, consentiranno un generale miglioramento degli standard di servizio ed un notevole innalzamento del livello di sicurezza della circolazione. “Con la pubblicazione di oggi – ha dichiarato il presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani negli ultimi otto mesi Anas ha bandito gare, finalizzate alla manutenzione straordinaria dell’autostrada A19, per un importo di circa 300 milioni, pari a un terzo dell’impegno previsto dal piano quinquennale”.

a19L’iter per l’affidamento, prosegue la nota dell’Anas, è attivato mediante la procedura di Accordo Quadro (ex articolo 54 comma 4 lettera a – D.lgs. 50/2016) che garantisce la possibilità di eseguire i lavori con tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo e maggiore efficienza. La gara verrà aggiudicata secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, assegnando un massimo di 35 punti alla componente prezzo e fino a 65 punti per la componente qualitativa, secondo i sotto-criteri e le relative ponderazioni che saranno specificati nella lettera d’invito. Al fine di garantire l’omogeneità e uniformità delle soluzioni esecutive e delle modalità di intervento, per tale gara non è stata prevista la suddivisione in lotti.

Le imprese interessate devono consegnare la domanda di partecipazione, esclusivamente in formato elettronico, sul Portale Acquisti Anas entro le ore 12.00 del 29 marzo 2017. Per informazioni dettagliate su tutti i bandi di gara è possibile consultare il sito internet www.stradeanas.it.

 

vicariIntanto ieri, sempre sull’asse Catania-Palermo (stavolta ferroviario) il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Simona Vicari, durante la seduta della nona Commissione della Camera, in risposta a un’interrogazione M5S ha fatto luce sul raddoppio: “Rete Ferroviaria Italiana prevede di destinare, nell’immediato, al raddoppio ferroviario della tratta Catania-Palermo, ulteriori 350 milioni di euro, in aggiunta agli 803 milioni già disponibili. La realizzazione dei lavori della prima fase, il cui completamento è previsto entro il 2024 – prosegue la Vicari – permetterà di percorrere la tratta in circa due ore. Il costo complessivo degli interventi relativi alla prima fase è pari a 3.452 milioni. L’esecuzione progressiva dei lavori produrrà benefici commerciali già a partire dal 2020. Allo stato attuale per la tratta Bicocca-Catenanuova si è chiusa la Conferenza dei Servizi e, a breve, verranno avviate le attività negoziali – ha aggiunto il sottosegretario – mentre per la tratta Catenanuova-Raddusa è stato completato il progetto definitivo. Prosegue l’impegno del Governo per la ‘cura del ferro’ in Sicilia”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona