Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna! :ilSicilia.it

l'articolo di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

di
19 Gennaio 2021

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono.

Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento.

Dallo stesso piano triennale viene successivamente cancellato perché si ipotizza l’affidamento per la sua realizzazione ad un gruppo formato da imprese e cooperative che avrebbe dovuto operare con fondi propri ottenendo poi la concessione per la gestione.

Fra trattative, stalli, richieste di somme ritenute eccessive per l’utilizzo delle sepolture e quanto altro trascorrono circa sette anni fino a quando il gruppo di imprese rinuncia e la palla ritorna al Comune.

Ad oggi il progetto è fornito di tutti i pareri e le autorizzazioni, esiste un finanziamento di 15 milioni.  sufficiente per realizzare un primo lotto funzionale ed è possibile ricorrere a procedure di legge straordinarie per l’occupazione dei suoli, trattandosi di opera  pubblica urgente ed indispensabile. Per indire la gara di appalto manca solo il progetto definitivo.

Quanto sopra riguarda i sogni mentre la realtà ci riporta al cimitero dei Rotoli dove l‘impianto di cremazione non funziona, scandalosamente, da mesi ed il tempio crematorio attende chissà cosa. Per questa opera, sembrerebbe impossibile ma è vero, è stato contratto un mutuo già interamente pagato con la Cassa depositi e prestiti e la gara di appalto è stata indetta dopo quattro anni cioè nel marzo del 2020! Ovviamente i lavori non sono iniziati.

Per quanto invece riguarda il crematorio esistente non ci sono notizie confortanti sul procedere degli eventi tranne quella della ricerca  di un impianto provvisorio “mobile” da usare temporaneamente. L’idea sembrerebbe buona se non ci fosse un “marginale” problema e cioè che l’unico impianto di questo genere di cui si abbia notizia  era in dotazione alle truppe statunitensi durante la guerra del golfo.

Potremmo parlarne con i marines americani!

Chissà se magari il bobcat ha ripreso a funzionare!

In compenso viene data con molta enfasi la notizia dell’idea di un tunnel sotterraneo che dovrebbe unire il porto ad uno svincolo autostradale, da realizzare in 10 o 15 anni al costo di oltre un miliardo di euro che ovviamente non esistono,  mentre pare che ci siano 1.2 milioni di euro per  saldare le prevedibili parcelle relative allo “ studio di fattibilità “.

Come si può facilmente comprendere il Ponte sullo Stretto fa scuola !

Forse sarebbe più semplice sistemare il Ponte Corleone ma tra una bega e l’altra le cose rimangono come sono.

E’ deprimente osservare ogni giorno il totale disinteresse della amministrazione per tutto quello che concretamente riguarda la vita ordinaria della città ed il benessere dei cittadini e, contemporaneamente, ascoltare roboanti annunci di improbabili grandi progetti per un futuro che non si vede all’Orizzonte.

Penso che se dovessi fare un patto con Mefistofele non chiederei in cambio dell’anima l’accesso alla conoscenza come il dottor Faust, ma solo la possibilità di vedere realizzati il ponte sullo Stretto di Messina ed il tunnel sotto la città di Palermo, per essere infine sepolto nel cimitero di Ciaculli. In pratica la vita eterna!

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.