15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

Dopo le elezioni politiche del 4 marzo

Dalle elezioni nasce un nuovo sistema bipolare: Centrodestra vs 5Stelle. Il Pd destinato all’irrilevanza

6 Marzo 2018

Alcune brevi considerazione sui futuri scenari politici. I risultati della consultazione elettorale di domenica 4 marzo ci consegnano un sistema politico apparentemente ingovernabile. Tre poli: il Movimento 5 Stelle, primo partito italiano col 32 per cento dei consensi, la coalizione di centrodestra a leadership Lega col 37 per cento ed il Partito Democratico col 19.

Nessuno, come da previsioni, ha i numeri per costituire un governo autosufficiente. Cosa succederà quindi? Un governo in qualche modo si formerà, non ci sono alternative, il sistema troverà un suo equilibrio.

luigi-di-maio-vittoria-m5s
L’esultanza di Luigi Di Maio dopo i primi risultati

E certamente la guida dell’esecutivo sarà assegnata a Di Maio o a Salvini. Più probabilmente al grillino, credo.

Ed il Pd? È assai probabile che andrà incontro ad un processo di implosione, di disgregazione interna, per cui parte delle truppe Dem andranno in soccorso ai 5 stelle, e altri o staranno all’opposizione con Salvini, o appoggeranno dall’esterno un eventuale esecutivo di centrodestra.

Di fatto il sistema politico, così, tenderà naturalmente ad assestarsi secondo uno schema bipolare: Movimento 5 Stelle versus Centrodestra. D’altro canto dovremmo aver capito già da tempo che non si possono più interpretare le dialettiche politiche attuali con la categoria novecentesca della contrapposizione Destra/Sinistra.

Macron ce lo aveva già spiegato, ed i risultati di queste elezioni ce lo confermano. Da ora in poi dobbiamo pensare la politica in maniera nuova, abbandonando gli schemi tradizionali.

Ma c’è un’altro bipolarismo che nasce da queste elezioni ed è quello su base territoriale. Lo si comprende immediatamente guardando la rappresentazione grafica degli eletti sulla cartina della penisola: l’Italia è divisa a metà, da Roma in su è leghista, da Roma in giù grillina.

Matteo Salvini 

Vedremo in futuro se il Movimento 5 stelle comprenderà il fenomeno ed avrà la capacità di interpretare la domanda di riscatto dalla crisi sociale ed economica che affligge il Meridione d’Italia, e che ha prodotto la valanga di voti di domenica.

Un meridionale su due ha votato per Di Maio, e il suo partito non potrà non tenerne conto.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.