Dall'Irca quasi due milioni e mezzo di finanziamenti per le imprese siciliane :ilSicilia.it
Catania

il fatto

Dall’Irca quasi due milioni e mezzo di finanziamenti per le imprese siciliane

di
7 Maggio 2022

Il nuovo Irca inizia a mostrare i muscoli e al termine di un Cda fiume mette in campo, in favore delle imprese siciliane, quasi due milioni e mezzo di euro di finanziamenti agevolati. Un secondo passo vigoroso quello del nuovo ente palermitano ubicato nel palazzetto di via Ausonia, che battezza con un piccolo tesoretto la quasi piena operatività. Il Cda dell’ente, nato dalla fusione degli storici Ircac e Crias, è stato presieduto nella sede operativa di Corso Italia a Catania, dal presidente Clemente Carta.
Una fumata bianca importante per il neonato istituto regionale siciliano che alla presenza dei consiglieri Nunzio Moschetti, Fausta Catalano e Pietro Giglione ha dato di fatto il via alla ripartenza di immissione di denaro vero nell’economia dell’Isola.
A beneficiarne per primi saranno le imprese che hanno fatto richiesta del “Fondo Sicilia”.
Queste attività sono state finanziate con un totale di quasi un milione e quattrocentomila euro mentre un’altra importante boccata d’ossigeno è arrivata dalle misure del “Fondo ripresa artigiani” per oltre 950mila euro e con una cospicua quota di fondo perduto che da tempo non veniva erogata.

Parole d’incoraggiamento sono quindi state espresse dal Direttore Generale Lorenza Giardina che con il Collegio Sindacale composto da Elena Pizzo, Maria Teresa Mannina e Giuseppe Cognata sta indirizzando il neonato ente creditizio sulla pista di decollo.

La prossima settimana è stata calendarizzata una nuova seduta di consiglio e verrà deliberata un’altra importante quota di finanziamenti così da smaltire velocemente l’arretrato venutosi a creare.

“Oggi abbiamo fatto fare uno scatto importante – ha dichiarato il presidente Carta – ad una struttura dal potenziale enorme, che si trova nella pista di rullaggio e che già mercoledì prossimo, con la delibera dello Statuto – approvato dopo alcune modifiche in via definitiva dal governo regionale siciliano – potrà ulteriormente sbloccare nuovi fondi e finanziamenti, cosi da mettere nero su bianco i tanti progetti che vedranno nei prossimi mesi l’Irca protagonista ed al fianco di chi opera con passione in Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.