Dammi il buongiorno dietro le cuspidi della cattedrale :ilSicilia.it

Dammi il buongiorno dietro le cuspidi della cattedrale

di
27 Settembre 2017

“Hhhggoppjhedj” ecco cosa leggono i dislessici. Formiche che scorrono all’altezza dell’anima, come un brulichio di farfalle. Tra le lenzuola del possibile, ricamate come le tende delle mamme. Trame incantevoli di fiori e uncinetto che il sole brucia nel silenzio delle case abbandonate.

E lei mi attendeva seduta sulla panchina. E Padre Pio sornione era sopra le nostre teste coi suoi rosari e i mille miracoli da esaudire. Forse la statua non c’era o forse si. Mentre al bar di fronte si sfornava smog e solitudine. Per Zeus Teresa che a raccontarlo oggi il dolore è sempre uguale. Rimani stretta dalla tua camicia da notte a fiori. In quale stanza eri costretta a vivere quando ti accarezzavo i capelli per strapparli via? Io e miei venti anni non eravamo pronti per farlo. Eppure amavo i tuoi occhi da maestra. E poi andavo via, in silenzio, e arrivava mio fratello a stringerti in un abbraccio diverso. Nei pigiami con le nuvole che non sapevi più indossare. Sei sempre stata bella come le zie che muoiono giovani. Che la tua battaglia è stata silenziosa e solitaria come gli amori inesplosi.

Quelli che arrivano e che vorresti mandare via a calci nel culo perché non erano previsti. Quelli che irrompono maledetti e non sai farci nulla. Che scorrono tra le vie nascoste della città, come i vasi sanguigni che alimentano il male e non lo sai, che ti piombano addosso e non puoi lascarli andare. Vorresti, ma ti si appiccicano come gli odori delle strade attraversate e da attraversare. Come la saliva stantia dopo la rabbia del dialogo, dietro le cuspidi della Cattedrale tra le sciarpe a pois e le gonne di seta, con le colombe che ti cagano addosso.

E c’era il Cassaro da attraversare, energico, bellissimo. E le chiese barocche da scansare, le birre sottratte all’ombra del tramonto, mentre si moriva di nuovo. Ancora e ancora. I baci negati all’altezza dell’ultima vertebra, quella sul collo, mentre l’attaccatura dei capelli urlava la sua necessità di esserci. E non darmi la buonanotte se poi domani non sarai in grado di darmi il buongiorno. Non te ne andare via se non puoi sussurrarmi il tuo amore che è solo nostro mentre muori da 17 anni. Io non ho alcuna voglia di perderti ancora, né di ritrovarti. Non ho più appetito di te che attraversi il ricordo di questa città in lungo e in largo. Con gli occhi persi e il cuore sospeso. Smagrita tra le nebbie del possibile. Non vediamoci più se è così doloroso. Chiudila quella finestra. Lasciami andare.

Fuori piove e c’è il tempo arancione dell’autunno. Tra poco i cieli plumbei verranno a tenerci compagnia in questa sosta delicata che non potrà essere lo slancio per nessun viaggio. Ed io continuerò ad attraversare i tuoi sorrisi immobili, ad incespicare stanca tra questi ciottoli disordinati. E non avremo i ritmi degli abbracci. Non potremo narrare l’amore negato ogni volta che si presenterà con la sua necessaria banalità. Che se ci pensiamo bene tutto può assumere contorni sfumati, deboli, fragili come le tante storie che si susseguono uno accanto all’altra e uno dopo l’altra. Ergo quando soffro uso il pensiero. Mi andava di dirtelo Teresa, per dirlo ancora a me, sapendo che la ragione legge le emozioni come se fosse un delizioso dislessico “Jgfftsgvbopeiiug”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.