Daniela Ternullo passa a Forza Italia: "I giovani come obiettivo primario della politica" | VIDEO :ilSicilia.it

IL PASSAGGIO

Daniela Ternullo passa a Forza Italia: “I giovani come obiettivo primario della politica” | VIDEO

di
17 Novembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Aderisce ufficialmente a Forza Italia, la parlamentare siracusana di Ora Sicilia, Daniela Ternullo, alla presenza del presidente dell’ARS, Gianfranco Miccichè e del capogruppo di Forza Italia, Tommaso Calderone.

Il partito guidato in Sicilia da Gianfranco Miccichè, con l’entrata della Ternullo raggiunge la quota di 14 parlamentari all’ARS divenendo il secondo partito in aula dopo il Movimento 5 Stelle, che conta 15 deputati regionali. Il gruppo di Forza Italia assume così maggiore centralità nel quadro politico regionale, all’interno della maggioranza che sostiene il governo di Nello Musumeci.

Daniela Ternullo è entrata all’Ars in sostituzione del deputato Giuseppe Gennuso sospeso per effetto della legge Severino dopo aver riportato la condanna da 1 a 2 mesi per traffico di influenze. La neo deputata di Forza Italia lascia Ora Sicilia dopo essere arrivata all’ARS con Popolari e Autonomisti – Idea Sicilia con 1.801 preferenze risultando la prima dei non eletti.

Tra gli obiettivi primari, c’è quello di rendere i giovani protagonisti della politica. “I giovani oggi sono stanchi della politica, la vedono marcia e trattata male. Voglio, quindi, costruire attraverso loro, e con loro, e portare avanti delle idee, rendendoli protagonisti”, dichiara.

LA DICHIARAZIONE DI MICCICHE’

“Non c’e’ alcuna campagna acquisti in corso. Non sollecito l’adesione a Forza Italia di nessuno. Dopo le recenti elezioni amministrative, essendo emerso chiaramente che siamo il primo partito con una proiezione nazionale mi sembra ovvio che siano in parecchi a volere aderire a FI“. Lo ha sottolineato il coordinatore regionale di Forza Italia, e presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè.

“La Dc che vuole rifondare Totò Cuffaro per lui e’ un’emozione, per me invece no”. Micciche’ inoltre ha sottolineato che “non sarebbe saggio in questo momento cosi’ drammatico, come e’ l’attuale, chiedere un rimpasto di governo. Pero’ ogni partito ha le proprie esigenze e quindi se chiede di riequilibrare la propria rappresentanza, cambiando qualche assessore, il presidente della regione Musumeci non puo’ non tenerne conto. La collocazione di Forza Italia rimane nell’ambito del centrodestra e mio compito in questa coalizione e’ quello, di rafforzare l’area moderata”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.