1 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.46
Palermo

In programma il 6 aprile

Danza, al Tmo va in scena l’alchimia del corpo con Mara Rubino e Benedetto Basile

28 Marzo 2019
'
'
'
'
'

Scorri la fotogallery in alto

Un’azione-studio sul corpo, il cui sviluppo ripercorre la forma mandalica, liberamente ispirato al Libro Rosso di Jung, ma anche un viaggio onirico, un cammino interiore alla scoperta del sé più profondo.

C’è tutto questo ne “Il mio corpo fiorisce da ogni vena”, spettacolo di danza e musica, diretto, realizzato e interpretato da Mara Rubino e Benedetto Basile, che andrà in scena, come anteprima, sabato 6 aprile alle 21 al Tmo Teatro Mediterraneo Occupato (via Martin Luther King, 6, Padiglione 1, Fiera del Mediterraneo), a Palermo. Musiche originali di Benedetto Basile, costumi di Ricchezza Falcone, luci a cura di Claudia Borgia. Ingresso con contributo di 7 euro.Per info e prenotazioni scrivere a info@tmopalermo.it.

Si tratta di un’azione performativa site specific, che indaga il corpo come forma in cui l’Io si manifesta, una forma non scelta consapevolmente, nel  quale l’Io stesso si trasforma continuamente. Corpo, attraverso il quale l’io conosce, percepisce, si definisce: uno slancio verso la libertà dell’essere la propria coscienza.

Attraverso l’osservazione di se stessi, si scoprono mondi di opposizioni espresse nel conflitto danzato delle parti del corpo che subisce una disgregazione della forma, che nel processo di trasformazione alchemica, riportata anche da Jung, corrisponde al primo stadio dell’evoluzione, la cosiddetta Nigredo. Questa  crisi, la perdita di ogni riferimento, dà luogo alla morte di tutto ciò che era e il corpo si trasforma, si purifica, attraverso un flusso di visioni e suoni che corrisponde nella visione alchemica alla fase dell’Albedo.

Il corpo si esprime attraverso l’immaginazione attiva nel movimento danzato, un dialogo continuo con la musica che intesse nuovi propositi, suggerisce, come la figura di un mago, strumenti nuovi per indagare e divenire in sé: ”Siamo fatti della stessa materia delle stelle”.

Il corpo abitato e manifesto dialoga, quindi, con i luoghi in cui viene accolto, indaga lo spazio, lo attraversa e si fa attraversare, diventa trasparente a sua volta, rivela, nel movimento, la memoria del luogo, si carica di nuove suggestioni, entra in risonanza con le superfici e i suoni che  lo abitano. La motivazione all’agire, la poetica, il racconto, si trasformano, creando una relazione consapevolmente evocativa, che ogni volta condiziona il divenire della partitura, dando origine a nuovi confini, nuove drammaturgie, nuovi flussi emozionali, reinventando l’architettura e la natura: il corpo, quindi, si ricompone, ritorna verso il centro come nella fase della Rubedo. Qui il corpo fiorisce, s’interseca, diviene spazio e suono.

Mara Rubino, danzatrice, coreografa, laureata in scienze motorie, insegnante del metodo pilates e feldenkrais. Fondatrice della compagnia Alkera, con la quale si esibisce con spettacoli di teatro di figura in vari festival nazionali, prodotti da Anna Farinella. Dirige insieme a Rosi Pirrone il centro danza In Punta di Piedi a Palermo, realizza varie performance di danza urbana, collabora come performer con Curva Minore di Lelio Giannetto e Teatro Potlach di Pino di Buduo. Come regista ed interprete crea vari spettacoli per festival e rassegne teatrali nazionali.

Benedetto Basile (flauto traverso), diplomato in flauto presso il Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, si è perfezionato presso l’Accademia Internazionale di Novara (docenti Glauco Cambursano e Maurizio Valentini) e presso l’Accademia Italiana del Flauto di Roma (docente Nicola Mazzanti). Vincitore di numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali, ha collaborato, fra gli altri, con il Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo e l’Orchestra Filarmonica di Palermo.

Fotografie di Francesco Bellina

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.