Dava fuoco alle auto dei parenti della ex: arrestato minorenne a Caltanissetta | VIDEO :ilSicilia.it
Caltanissetta

ben 34 ipotesi di reato contestate

Dava fuoco alle auto dei parenti della ex: arrestato minorenne a Caltanissetta | VIDEO

26 Settembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta nella giornata di ieri, 25 settembre, ha dato delega alla Squadra Mobile della Questura di Caltanissetta, per l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i minorenni di Caltanissetta, su conforme richiesta del pubblico ministero nei confronti del minore, resosi responsabile di numerosi reati che vanno dal sequestro di persona alla violenza sessuale, dallo stalking alla violenza privata, passando attraverso numerosi atti incendiari.

Le indagini, portate avanti dalla Squadra Mobile e dalla Sezione di polizia giudiziaria P.S. della Procura per i minorenni di Caltanissetta, hanno avuto inizio nella tarda serata del 28 maggio 2016 dopo che, sulla linea telefonica 113, giungeva segnalazione di due giovani intenti a incendiare un’autovettura in Via Lunetta.

«L’autore dei fatti, di 17 anni, – scrive polizia caltanissettail Procuratore della Repubblica, Laura Vaccaro – fermato insieme ad altro minorenne, era trovato in possesso di un foglietto, accuratamente riposto nel portafogli, sul quale erano annotati i modelli di 20 autovetture e di 2 ciclomotori; i primi tre modelli elencati recavano accanto la dicitura “fatto” e corrispondevano a macchine incendiate nel Comune di Caltanissetta nello stesso mese di maggio 2016. Le successive indagini, volte a comprendere quale fosse il comune denominatore dei vari atti incendiari, hanno permesso di accertare che i proprietari delle auto bruciate erano tutti riconducibili a parenti e amici della ex-fidanzata del minore la quale, grazie all’intervento in suo favore del fratello, T.I. maggiorenne, aveva posto fine alla sua relazione con l’arrestato.

Il piano criminoso attuato nei confronti del fratello della minore non si è limitato ad una sistematica attività incendiaria, ma si è sostanziato in una lunga sequela di azioni criminali che, oltre ad essere sintomatiche della pervicacia criminale del minore, hanno dimostrato la sua abilità ad inquinare le indagini creando specifici elementi di responsabilità penale a carico del T.I., attraverso plurime denunce presentate alternativamente presso la Questura e presso la Stazione dei Carabinieri. A tal fine, lo stesso si è servito di vari minori, tutti infraquattordicenni, che è riuscito ad asservire totalmente al proprio volere contrastando i loro dinieghi con continue minacce ed atti reiterati di inaudita violenza che, quasi sempre, sotto forma di “avvertimenti” in pieno stile mafioso, indirizzava anche nei confronti dei loro genitori, ora dando fuoco alle loro autovetture, ora introducendosi in casa e lasciando scritte sulle pareti, fino al punto da costringerli a lasciare la città di Caltanissetta; per un minore in particolare questa Procura ha chiesto, in via cautelativa, in ambito civile l’inserimento in una comunità lontana dal territorio.

polizia caltanissettaL’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P., sebbene individui quale titolo custodiale il sequestro di persona, consumato e tentato, ai danni di due minori infra-quattordicenni, e reiterate violenze sessuali ai danni di una minore, conferma l’impianto accusatorio della Procura riconoscendo la fondatezza di ben 34 ipotesi di reato contestate tra cui quattro condotte di atti persecutori poste in essere nei confronti di distinti soggetti e sei atti incendiari di altrettante autovetture. Particolari e gravi gli atti persecutori e le reiterate violenze sessuali realizzate nei confronti dell’ultima fidanzata minorenne i quali, oltre a confermare una personalità criminale e pericolosa, hanno aperto un ulteriore agghiacciante squarcio sulla capacità del minore di trasfondere anche all’interno delle proprie relazioni sentimentali tutta la sua aggressività, prepotenza, violenza fisica e verbale, unita a morbosa possessività». 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.