Dava fuoco alle auto dei parenti della ex: arrestato minorenne a Caltanissetta | VIDEO :ilSicilia.it
Caltanissetta

ben 34 ipotesi di reato contestate

Dava fuoco alle auto dei parenti della ex: arrestato minorenne a Caltanissetta | VIDEO

di
26 Settembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta nella giornata di ieri, 25 settembre, ha dato delega alla Squadra Mobile della Questura di Caltanissetta, per l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i minorenni di Caltanissetta, su conforme richiesta del pubblico ministero nei confronti del minore, resosi responsabile di numerosi reati che vanno dal sequestro di persona alla violenza sessuale, dallo stalking alla violenza privata, passando attraverso numerosi atti incendiari.

Le indagini, portate avanti dalla Squadra Mobile e dalla Sezione di polizia giudiziaria P.S. della Procura per i minorenni di Caltanissetta, hanno avuto inizio nella tarda serata del 28 maggio 2016 dopo che, sulla linea telefonica 113, giungeva segnalazione di due giovani intenti a incendiare un’autovettura in Via Lunetta.

«L’autore dei fatti, di 17 anni, – scrive polizia caltanissettail Procuratore della Repubblica, Laura Vaccaro – fermato insieme ad altro minorenne, era trovato in possesso di un foglietto, accuratamente riposto nel portafogli, sul quale erano annotati i modelli di 20 autovetture e di 2 ciclomotori; i primi tre modelli elencati recavano accanto la dicitura “fatto” e corrispondevano a macchine incendiate nel Comune di Caltanissetta nello stesso mese di maggio 2016. Le successive indagini, volte a comprendere quale fosse il comune denominatore dei vari atti incendiari, hanno permesso di accertare che i proprietari delle auto bruciate erano tutti riconducibili a parenti e amici della ex-fidanzata del minore la quale, grazie all’intervento in suo favore del fratello, T.I. maggiorenne, aveva posto fine alla sua relazione con l’arrestato.

Il piano criminoso attuato nei confronti del fratello della minore non si è limitato ad una sistematica attività incendiaria, ma si è sostanziato in una lunga sequela di azioni criminali che, oltre ad essere sintomatiche della pervicacia criminale del minore, hanno dimostrato la sua abilità ad inquinare le indagini creando specifici elementi di responsabilità penale a carico del T.I., attraverso plurime denunce presentate alternativamente presso la Questura e presso la Stazione dei Carabinieri. A tal fine, lo stesso si è servito di vari minori, tutti infraquattordicenni, che è riuscito ad asservire totalmente al proprio volere contrastando i loro dinieghi con continue minacce ed atti reiterati di inaudita violenza che, quasi sempre, sotto forma di “avvertimenti” in pieno stile mafioso, indirizzava anche nei confronti dei loro genitori, ora dando fuoco alle loro autovetture, ora introducendosi in casa e lasciando scritte sulle pareti, fino al punto da costringerli a lasciare la città di Caltanissetta; per un minore in particolare questa Procura ha chiesto, in via cautelativa, in ambito civile l’inserimento in una comunità lontana dal territorio.

polizia caltanissettaL’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P., sebbene individui quale titolo custodiale il sequestro di persona, consumato e tentato, ai danni di due minori infra-quattordicenni, e reiterate violenze sessuali ai danni di una minore, conferma l’impianto accusatorio della Procura riconoscendo la fondatezza di ben 34 ipotesi di reato contestate tra cui quattro condotte di atti persecutori poste in essere nei confronti di distinti soggetti e sei atti incendiari di altrettante autovetture. Particolari e gravi gli atti persecutori e le reiterate violenze sessuali realizzate nei confronti dell’ultima fidanzata minorenne i quali, oltre a confermare una personalità criminale e pericolosa, hanno aperto un ulteriore agghiacciante squarcio sulla capacità del minore di trasfondere anche all’interno delle proprie relazioni sentimentali tutta la sua aggressività, prepotenza, violenza fisica e verbale, unita a morbosa possessività». 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin