Dava fuoco alle auto dei parenti della ex: arrestato minorenne a Caltanissetta | VIDEO :ilSicilia.it
Caltanissetta

ben 34 ipotesi di reato contestate

Dava fuoco alle auto dei parenti della ex: arrestato minorenne a Caltanissetta | VIDEO

di
26 Settembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta nella giornata di ieri, 25 settembre, ha dato delega alla Squadra Mobile della Questura di Caltanissetta, per l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i minorenni di Caltanissetta, su conforme richiesta del pubblico ministero nei confronti del minore, resosi responsabile di numerosi reati che vanno dal sequestro di persona alla violenza sessuale, dallo stalking alla violenza privata, passando attraverso numerosi atti incendiari.

Le indagini, portate avanti dalla Squadra Mobile e dalla Sezione di polizia giudiziaria P.S. della Procura per i minorenni di Caltanissetta, hanno avuto inizio nella tarda serata del 28 maggio 2016 dopo che, sulla linea telefonica 113, giungeva segnalazione di due giovani intenti a incendiare un’autovettura in Via Lunetta.

«L’autore dei fatti, di 17 anni, – scrive polizia caltanissettail Procuratore della Repubblica, Laura Vaccaro – fermato insieme ad altro minorenne, era trovato in possesso di un foglietto, accuratamente riposto nel portafogli, sul quale erano annotati i modelli di 20 autovetture e di 2 ciclomotori; i primi tre modelli elencati recavano accanto la dicitura “fatto” e corrispondevano a macchine incendiate nel Comune di Caltanissetta nello stesso mese di maggio 2016. Le successive indagini, volte a comprendere quale fosse il comune denominatore dei vari atti incendiari, hanno permesso di accertare che i proprietari delle auto bruciate erano tutti riconducibili a parenti e amici della ex-fidanzata del minore la quale, grazie all’intervento in suo favore del fratello, T.I. maggiorenne, aveva posto fine alla sua relazione con l’arrestato.

Il piano criminoso attuato nei confronti del fratello della minore non si è limitato ad una sistematica attività incendiaria, ma si è sostanziato in una lunga sequela di azioni criminali che, oltre ad essere sintomatiche della pervicacia criminale del minore, hanno dimostrato la sua abilità ad inquinare le indagini creando specifici elementi di responsabilità penale a carico del T.I., attraverso plurime denunce presentate alternativamente presso la Questura e presso la Stazione dei Carabinieri. A tal fine, lo stesso si è servito di vari minori, tutti infraquattordicenni, che è riuscito ad asservire totalmente al proprio volere contrastando i loro dinieghi con continue minacce ed atti reiterati di inaudita violenza che, quasi sempre, sotto forma di “avvertimenti” in pieno stile mafioso, indirizzava anche nei confronti dei loro genitori, ora dando fuoco alle loro autovetture, ora introducendosi in casa e lasciando scritte sulle pareti, fino al punto da costringerli a lasciare la città di Caltanissetta; per un minore in particolare questa Procura ha chiesto, in via cautelativa, in ambito civile l’inserimento in una comunità lontana dal territorio.

polizia caltanissettaL’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P., sebbene individui quale titolo custodiale il sequestro di persona, consumato e tentato, ai danni di due minori infra-quattordicenni, e reiterate violenze sessuali ai danni di una minore, conferma l’impianto accusatorio della Procura riconoscendo la fondatezza di ben 34 ipotesi di reato contestate tra cui quattro condotte di atti persecutori poste in essere nei confronti di distinti soggetti e sei atti incendiari di altrettante autovetture. Particolari e gravi gli atti persecutori e le reiterate violenze sessuali realizzate nei confronti dell’ultima fidanzata minorenne i quali, oltre a confermare una personalità criminale e pericolosa, hanno aperto un ulteriore agghiacciante squarcio sulla capacità del minore di trasfondere anche all’interno delle proprie relazioni sentimentali tutta la sua aggressività, prepotenza, violenza fisica e verbale, unita a morbosa possessività». 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.