De Domenico e il suo Pd: "Ripartiamo senza liti da antifascismo, lavoro e infrastrutture" | VIDEO :ilSicilia.it

l'intervista

De Domenico e il suo Pd: “Ripartiamo senza liti da antifascismo, lavoro e infrastrutture” | VIDEO

di
1 Luglio 2020

 

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il deputato regionale del Pd Franco De Domenico fa un sunto del suo partito e della nuova struttura che ha assunto.

L’ex direttore generale dell’università di Messina evidenzia il difficile dialogo del partito democratico ma tiene a precisare: “Che è un partito vero”. Parole di merito nei confronti del nuovo segretario che vedrà la sua ufficialità il 18 di Luglio in provincia di Enna durante una convention del suo partito in cui saranno presenti i big nazionali.

De Domenico sottolinea come il lavoro e le infrastrutture sono punti cardini per un programma politico e motivo di rigenerazione per la Sicilia a seguito del covid-19. “Noi siamo un partito in senso puro. Quando si riesce a fare sintesi nasce un buon prodotto politico che può dare risposta ai cittadini. La gente non vuole più chiacchiere e proclami. Non abbiamo bisogno di politici di professione. Oggi c’è bisogno di una politica che da atti concreti. La risposta al lavoro. La Sicilia è drammaticamente posta in questo senso. In politica c’è da difendere la posizione nel territorio. Noi al Sud spesso litighiamo tra di noi. Spesso ci si sguazza sulle lite. Portando un ritardo nel tessuto economico. L’emergenza del coronavirus ci può indicare una strada per fare tornare gli insediamenti produttivi”. Afferma De Domenico il quale in molti credevano che sarebbe passato nelle fila di Italia Viva.

Ma De Domenico è assolutamente categorico nella sua risposta: “Io ho bisogno di un dialogo con un leader di partito. Non delle imposizioni dall’alto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.