De Luca: "A Messina 400 mln di finanziamenti extra-bilancio nel 2020-2022" :ilSicilia.it
Messina

L'annuncio del sindaco

De Luca: “A Messina 400 mln di finanziamenti extra-bilancio nel 2020-2022”

di
16 Ottobre 2019

“A Messina avremo oltre 400 milioni di euro di finanziamenti extra-bilancio da spendere nel triennio 2020/2022”. Lo annuncia il sindaco di Messina, Cateno De Luca. “Abbiamo definito il percorso – spiega il primo cittadino – per accelerare la fase di progettazione e realizzazione – spiega infatti il primo cittadino – delle infrastrutture finanziate con i fondi extra bilancio unitamente alle opere strategiche da rendere cantierabili per la partecipazione ai prossimi bandi di finanziamento. Il 25 ottobre si terrà una apposita conferenza dei servizi con i dirigenti Cardia, Aiello, De Francesco, Amato ed il segretario generale unitamente agli assessori Minutoli, Previti, Calafiore e Mondello e l’esperto Salvo Puccio per definire le clausole di incarico per i singoli Rup già nominati o da nominare”.

“Ogni ingranaggio della macchina amministrativa – evidenzia De Luca – dovrà funzionare e rispettare la tempistica dei singoli programmi di finanziamento, pena la decadenza dall’incarico e l’azione di responsabilità per l’eventuale danno erariale causato dalla relativa inerzia”.

Nelle scorse ore De Luca ha preso parte ad una riunione presso l’Agenzia di Coesione Territoriale alla Presidenza Consiglio dei Ministri con il direttore Giorgio Martini, l’assessore alla Programmazione Fondi europei Carlotta Previti, Giacomo Villari e e l’ingegnere Massimo Villari delegato Smart City Università degli Studi di Messina. E’ stata valutata positivamente la proposta di far nascere a Messina il South Italy Innovation Hub – SI2H per l’importo di 20 milioni di euro.

L’HUB rappresenterà il primo Parco Scientifico del Sud Italia caratterizzati da un alto grado di innovatività tecnologica per la sperimentazione e l’applicazione di soluzioni intelligenti per la gestione dei servizi urbani delle pubbliche amministrazioni. Secondo le stime dell’Agenzia di Coesione la Città di Messina rappresenta “un paradigma virtuale nella sperimentazione di soluzioni intelligenti nell’ambito dei servizi pubblici e l’autorità di gestione del PON Metro ha chiesto di presentare il progetto Mesmart a Smart City Expo World Congress Barcellona di Spagna a novembre come esempio virtuoso”.

“Abbiamo presentato inoltre il crono-programma di spesacontinua De Luca – sul tema risanamento urbano impegnando l’Amministrazione ad effettuare 3 milioni di euro di spesa entro metà novembre per l’acquisto di 40 alloggi. Asseverata la scelta di destinare una quota di risorse ad un progetto di rigenerazione urbana a Fondo Fucile. La quota premiale di 5 milioni di euro verrà utilizzata per azioni a sostegno al reddito per i nuclei familiari disagiati. Valutato positivamente il progetto del Centro Diurno per i soggetti autistici che avvierà azioni di ricerca per qualificare metodologie di trattamento innovativo per l’ importo 1.5 milioni di euro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.