De Luca: "A Messina guerra agli speculatori del coronavirus" :ilSicilia.it
Messina

blitz e multe della Polizia municipale

De Luca: “A Messina guerra agli speculatori del coronavirus”

26 Febbraio 2020

Blitz anti-sciacallaggio della Polizia municipale a Messina per quanto concerne le speculazioni commerciali riguardanti l’emergenza Coronavirus. I vigili urbani della Sezione specialistica-Polizia commerciale, su disposizione del sindaco Cateno De Luca, ha sottoposto a controllo 3 supermercati, 1 attività commerciale di prodotti per l’igiene e 6 farmacie. Nell’ambito di questa attività l’attenzione è stata principalmente posta per prodotti igienizzanti, accertando che quelli da banco erano posti negli espositori omettendo di indicare al consumatore finale il reale prezzo di vendita.

Anche per le farmacie e para-farmacie esiste l’obbligo di esposizione al pubblico del cartellino sui prezzi, così è scattata la contravvenzione per la violazione prevista dagli articoli n. 15 e 22 della L,R. 28/98 con sanzione di 860 euro. “Con avvertimento – fa sapere il Comune – che in caso di riscontrata recidività si disporrà la chiusura dell’esercizio per 20 giorni“.

Gli accertamenti coordinati dal Comandante Vicario della Polizia Municipale Commissario Giovanni Giardina, sotto espressa indicazione dell’assessore Dafne Musolino e con la supervisione del sindaco De Luca, proseguiranno nei prossimi giorni in modo capillare. “Si invitano i cittadini a volere segnalare eventuali violazioni delle disposizioni di Legge o abusi sull’applicazione dei prezzi al pubblico”, fa sapere il Comune di Messina.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona