De Luca: "A Messina somme non dovute ai dirigenti. Dovranno restituire tutto" | Video :ilSicilia.it
Messina

la Giunta ha bloccato 3,3 mln

De Luca: “A Messina somme non dovute ai dirigenti. Dovranno restituire tutto” | Video

14 Novembre 2019

Guarda in alto il video

Cateno De Luca torna all’attacco dei dirigenti di Palazzo Zanca. Il sindaco di Messina contesta oltre 4 milioni posti a suo tempo in bilancio con somme assegnate dal 2010 in poi, che però non erano dovute, con 800 mila euro che sarebbero stati già “indebitamente” percepiti e che dovranno essere restituiti “euro per euro”.

“A Messina qualche dirigente crede di essere il padrone del pastificio – afferma de Luca che aggiunge –  La sapete una barzelletta? Il 15 luglio 2019, con delibera di Giunta n.465 abbiamo approvato una relazione del segretario riguardante tutte le somme che dal 2010 in poi i dirigenti del Comune di Messina si sono presi in più illegittimamente. Un dirigente costa mediamente ogni anno 150 mila euro l’anno lorde. Una parte di queste somme è il salario accessorio, composta dall’indennità di posizione e dalla indennità di risultato”.

“Quando mi sono insediato, la prima delibera che ho trovato sul mio tavolo era una delibera da approvare, riguardante i “miracoli” prodotti dal 2010 in poi dai dirigente. Quella delibera l’ho restituita al mittente. Sentivo già un odore strano ed è emerso che l’indennità di risultato non poteva essere erogata. Parliamo di 3 milioni e 300 mila euro. Abbiamo fatto una delibera noi e abbiamo detto ai dirigenti: “Ci dispiace ma quelle somme non vi spettano”. Poi ho chiesto al segretario generale di continuare l’approfondimento ed è emerso che non soltanto quell’indennità di risultato non poteva essere liquidata e non sarà liquidata perché l’abbiamo revocata, ma anche l’indennità di posizione è stata calcolata in modo sbagliato. Forse era un errore? E allora abbiamo accertato che le risorse non dovute, dal 2010 al 2019, ai dirigenti, ammontano a 4 milioni 135 mila euro, di cui con la delibera dello scorso luglio abbiamo già bloccato 3 milioni 352 mila euro”conclude il sindaco di Messina.

“A conti fatti – conclude De Luca – significa che sono stati percepiti indebitamente circa 800 mila euro in questi anni e darò mandato agli uffici di recuperare quelle somme. Il fondo residuo per i dirigenti che è rimasto si è ridotto da una previsione di Un milione e mezzo ad appena 900 mila euro, abbiamo fatto un’operazione di rottamazione dei dirigenti che sono scesi da 23 a 9 e i 20 dipartimenti che c’erano li abbiamo ridotto ad 8. A questo punto, magari, qualche dirigente potrebbe rifiutarsi di mettere il parere tecnico su questa delibera. Li aspetto al passo”.

Poi il monito finale: “Qui dentro si lavora, se qualcuno si rifiuterà risponderà di omissione. C’era un danno erariale grande quanto una cosa. Restituirete euro per euro, perché se la città è in queste condizioni è anche colpa vostra. Ringrazio invece quei dirigente che hanno cambiato passo e stanno già collaborando”.

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.