De Luca: "Accorinti rifiuta il confronto? Lo aspetto il 16 novembre" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina rilancia la sfida

De Luca: “Accorinti rifiuta il confronto? Lo aspetto il 16 novembre”

17 Ottobre 2019

Cateno De Luca vuole il confronto pubblico con il suo predecessore alla sindacatura di Messina, Renato Accorinti, e non si arrende alla risposta negativa già ricevuta nelle scorse ore. L’attuale primo cittadino torna in pressing e rilancia la sfida e lo a modo suo, tornando all’attacco di Accorinti e dell’ex Giunta della Città dello Stretto.

“Caro professore Accorinti – afferma De Luca – due consiglieri comunali, Gino Sturniolo e Nina Lo Presti, nel maggio 206 si sono dimessi perché è stato tradito il messaggio con cui il professore Accorinti doveva rivoluzionare insieme alla sua Giunta la Città di Messina. Quello fu un grande esempio di stile e di coerenza. Mi dispiace che il prof. Accorinti abbia rifiutato il mio invito ma io glielo rinnovo e lo aspetto il 16 novembre al Salone delle Bandiere. Mi ha rattristato che lui abbia utilizzato il mio atteggiamento da “bulletto”, che ogni tanto è esagerato e lo ammetto, ma che scaturisce dal mio carattere e dallo stress e dal lavoro che faccio con amore e passione per Messina. Neanche la notte io riesco a riposare perché sento sulla mia pelle il senso di responsabilità per quello che faccio. Io speravo che dopo le elezioni la fase di “guerriglia”. E’ vero, in campagna elettorale ho esagerato, ma lo faccio spesso in quei casi e poi tendo a riappacificare i rapporti. Accorinti ha citato anche il prof. Bramanti, con il quale ci siamo già visti e chiariti e abbiamo iniziato un percorso di collaborazione come con tutti i consiglieri comunali. Quindi non ho compreso l’alibi che ha utilizzato Accorinti per non venire a questo confronto che ho chiesto e che ribadisco di volere”.

Poi l’affondo di De Luca: “Senza spirito polemico dico che Accorinti mi sembra sempre più come i “sepolcri imbiancati”, cioè personaggi che cercano di tenere una certa forma e un certo atteggiamento ma poi, in fondo, si rivelano dei grandi ipocriti. Me lo permetta, senza offesa. Sono lui e la sua Giunta che mi hanno attaccato e hanno messo in discussione la mia azione politica e amministrativa. Quando uno viene sconfitto democraticamente da una comunità che ha amministrato, dovrebbe tacere in buon ordine. Non si può scappare dal confronto, l’ex Amministrazione ha galleggiato per cinque anni, non hanno fatto nulla per risanare Messina e non hanno chiuso nemmeno nessun accordo con i creditori del Comune”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.