De Luca ai giovani: "No al Capodanno nei locali abusivi, evitate le sole" :ilSicilia.it
Messina

appello del sindaco di Messina

De Luca ai giovani: “No al Capodanno nei locali abusivi, evitate le sole”

di
30 Dicembre 2019

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, invita i giovani a trascorrere il Capodanno a Messina in locali sicuri e autorizzati.

“Non passate il Capodanno in locali abusivi”, è il monito del primo cittadino. “Nessuno di certi locali che stanno organizzando le serate da sballo di fine anno esibisce sui social la licenza di pubblico spettacolo. Li abbiamo già individuati”, avverte De Luca, che così chiede al popolo della movida di scegliere in modo attento dove trascorrere l’ultima notte del 2019.

“Attenzione a dove trascorrerete il Capodanno – afferma De Luca rivolgendosi ai giovani -. Abbiamo già intercettato una decina di organizzatori privi di licenza di pubblico spettacolo che rilascia la Questura, a seguito di un esame che la Commissione comunale di Vigilanza effettua, se viene presentata la relativa richiesta. Tutti i nomi che circolano, con prevendita e vendita senza limitazioni di alcolici, sono abusivi. La Commissione di vigilanza ad oggi non ha avuto nessuna richiesta di verifica, il che significa che non credo proprio che la commissione si possa riunire il 31 dicembre. Evitate di farvi calare delle sole. Vigileremo e interverremo”.

Suggerisco di rivolgersi soltanto agli organizzatori di licenze che fanno intrattenimento abitualmente. Non bisogna rivolgersi ad organizzatori improvvisati e senza scrupoli, che pur di recuperare una somma cospicua di denaro si improvvisano senza le relative prescrizioni di legge, che riguardano la sicurezza e la somministrazione di bevande e alcolici. In questi contesti nessuno controlla se se si è bevuto e se si è minorenni. Quindi invito gli organizzatori abusivi ad annullare queste improvvisazioni perché saranno denunciati, senza se e senza ma”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin