De Luca all'attacco: "Denuncerò Bramanti, il cambiamento a Messina solo con me" :ilSicilia.it
Messina

è scontro anche sul riordino della rete ospedaliera

De Luca all’attacco: “Denuncerò Bramanti, il cambiamento a Messina solo con me”

di
21 Giugno 2018

Non conosce pause e nemmeno tregua lo scontro politico tra Cateno De Luca e Dino Bramanti verso il ballottaggio di domenica, atto finale della contesa per la sindacatura di Messina. Il deputato va ancora all’attacco di Bramanti e preannuncia sulle sue pagine Facebook una denuncia nei confronti del proprio avversario ma anche nei riguardi dell’assessore alla Salute, Ruggero Razza.

Motivo della contesa, in questo caso, la riorganizzazione della rete ospedaliera e alcune presunte dinamiche del disegno regionale che verrà varato da Palermo. “Denunzierò l’assessore regionale alla sanità Razza ed il professor Bramanti per attentato alla salute dei cittadini”, si legge nel durissimo post apparso nella pagina social “De Luca sindaco di Messina”, in cui si parla di “solidarietà al Policlinico di Messina”.

“Ricevo e pubblico – scrive De Luca -: “Quanto stia succedendo a Messina è la chiara dimostrazione che la politica influenza e decide le sorti e la salute della gente e dei malati. Succede che grazie agli accordi politici, il nuovo disegno della rete ospedaliera vede la creazione di una nuova unità dipartimentale di Neuroradiologia , a 2 km di distanza dalla unità operativa complessa del policlinico di Messina. Tutto questo a scapito di una unità operativa complessa del civico di Palermo, penalizzata e portata ad unità semplice. Ne consegue che a Messina, città di 200.000 abitanti , esiste una unità operativa complessa che rappresenta l’unica realtà funzionante per l’ictus ischemico , si trova improvvisamente una nuova unità operativa a 2 km , senza un reale bisogno , se non per soddisfare le mire ambiziose del prof. Bramanti aspirante sindaco. Mentre Palermo e Catania , che non hanno nessun ospedale attivo per l’ictus ischemico, vengono declassate e penalizzate nelle unità operative neuroradiologiche. Entrambe le città hanno un bacino di 2 milioni di abitanti”.

“E’ arrivato il momento di osare – afferma De Luca, intanto, rivolgendosi ai messinesi -.  La mia Amministrazione garantirà efficienza, efficacia ed economicità. Bisogna smontare il palazzo comunale e poi rimontarlo nei termini giusti. Noi non abbiamo alle nostre spalle partiti, caste e lobbie che hanno causato il disastro di Messina. Siamo di fronte ad una città che è stata affondata”.

“Non è assolutamente vero – aggiunge De Luca – che il sottoscritto abbia fatto una campagna elettorale di insulti. Ho fatto da gennaio in poi 42 conferenze tematiche sui tanti problemi di Messina e abbiamo chiesto agli altri di confrontarsi su quei temi che riguardano i cittadini. Mai nessuno si è voluto confrontare e mai nessuno ha replicato, se non in campagna elettorale con i soliti discorsi di circostanza. Se gli altri vanno sopra le righe, è logico che abbiamo dovuto rispondere. Le nostre non sono mai state provocazioni, abbiamo voluto dare un’alternativa seria e credibile ai messinesi. Il cambiamento è finalmente possibile, domenica serve l’ultimo sforzo da parte dei cittadini. Il cambiamento può avvenire solo con l’elezione a sindaco di una persona libera, determinata e competente come me”. 

Poi la provocazione finale di De Luca a Bramanti sul confronto finale chiesto dall’ex sindaco di Santa Teresa di Riva al professore prima del ballottaggio: “Placido, lo facciamo o non lo facciamo questo confronto domani alle ore 16:30? Puoi portarti i tuoi padroni politici”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin