19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.51
Messina

i legali del sindaco di Messina al contrattacco

De Luca assolto sull’associazione a delinquere ma va a giudizio per evasione fiscale

11 Luglio 2018

Dopo il no della Corte di Cassazione all’arresto, arriva l’assoluzione del sindaco di Messina per il reato di associazione a delinquere per Cateno De Luca ma anche il rinvio a giudizio per evasione fiscale. E’ la decisione del Tribunale di Messina in seguito all’udienza odierna sul caso Fenapi.

Il neo sindaco di Messina Cateno De Luca aveva incassato nelle scorse ore il giudizio favorevole della Corte Suprema, che ha rigettato la richiesta di arresto avanzata dalla Procura con relativo ricorso, ma deve adesso fare i conti con un rinvio a giudizio che lo vedrà impegnato in prima udienza a giugno del 2019. Le presunte fatture false ammontano a circa un milione e 700mila euro, stesso reato per il quale il sindaco era finito ai domiciliari dall’8 al 20 novembre scorsi. “Lasciate lavorare una persona onesta per ripulire i verminai messinesi”, ha detto De Luca dopo aver appresso dell’esito in chiaroscuro dell’udienza.

E sulla vicenda, intanto, intervengono con una nota gli avvocati Carlo Taormina e Tommaso Micalizzi, legali di De Luca. “La Corte Suprema di Cassazione con sentenza definitiva ha stabilito che rispetto a tutti i reati riguardanti la gestione della Fenapi i fatti non sussistono, in linea con quanto già deciso dal Giudice delle Indagini Preliminari e dal Tribunale della Libertà di Messina. Oggi stesso il Giudice dell’udienza preliminare si è stranamente allineato alla decisione della Corte Suprema di Cassazione assolvendo De Luca e gli altri imputati da tutti i reati, ma con sorprendente mancanza di rispetto del massimo organo giurisdizionale ha ritenuto che si debbano fare approfondimenti dibattimentali in ordine ai computi della spese sostenute per il personale in prestito e per il mantenimento delle sedi dal Caf Fenapi, senza alcuna ipotesi di distrazione di somme per fini personali da parte degli indagati, nonostante si tratti di questioni non più configurabili come reati in basa alla recente riforma fiscale del 2015. Il risultato di questa operazione è la persistenza dell’attacco giudiziario nei confronti del sindaco di Messina, con fatti depenalizzati e ritenuti insussistenti dalla Corte Suprema di Cassazione. Di fronte a tanta ed intollerabile insistenza nella persecuzione penale del sindaco De Luca, è venuto il momento della soluzione finale in presenza di uno scontro tra politica e giustizia che impedisce il minimo tasso di imparzialità di giudizio”.

“Va notato, tra l’altro, che le decisioni odierne – continuano i legali di De Luca – certificano la illiceità dell’arresto subito dal sindaco De Luca, infertogli dopo solo due giorni dalla elezione a deputato regionale ed oggi dopo soltanto quindici giorni dalla elezione a Sindaco di Messina lo si infanga inammissibilmente, come dichiarato dalla Corte di Cassazione, che risulta assolutamente irrisa da un Giudice dell’Udienza Preliminare, impiccandolo con un rinvio a giudizio che grida vendetta per abnormità. In relazione a quanto sopra, per il tramite dei suoi difensori, il Sindaco De Luca preannuncia istanza di rimessione alla Corte Suprema per legittima suspicione con particolare riferimento allo scontro con il Procuratore Generale di Messina. In secondo luogo, la Procura Generale della Corte di Cassazione, il Ministro della Giustizia ed il Consiglio Superiore della Magistratura saranno immediatamente investiti della esigenza di accertare la esistenza di illeciti disciplinari nei confronti del Giudice dell’Udienza Preliminare, in quanto non ossequiente alle decisioni della Corte Suprema e per aver disposto il rinvio a giudizio per fatti depenalizzati e di sola rilevanza amministrativa-tributaria. Gli organi inquirenti che hanno curato il processo dinanzi all’udienza preliminare saranno altresì deferiti alle stesse autorità disciplinari”. 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.