De Luca boccia l'accordo sulle ex province: "150 milioni non risolvono nulla" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina conferma la protesta

De Luca boccia l’accordo sulle ex province: “150 milioni non risolvono nulla”

di
9 Maggio 2019

Cari colleghi sindaci non basta la soluzione tecnica individuata a Roma, non facciamoci prendere in giro. Così non si risolve nulla. Non bastano i 150 milioni di euro per salvare le ex province Siciliana dal dissesto finanziario, ne servono 350. A maggior ragione rimane confermata la manifestazione del 15 maggio a Palermo ore 11, in piazza Indipendenza. Tutti i sindaci in piazza, senza se e senza ma”. Così il sindaco metropolitano Cateno De Luca rilancia l’appello ai sindaci per la protesta per l’irrisolta crisi ex province regionali siciliane e boccia gli effetti della possibile svolta di queste ore. L’accordo Stato-Regione secondo il sindaco di Messina non risolve la questione. 

“Stanno cercando di boicottare la nostra manifestazione sulla necessità di un intervento finanziario per evitare il dissesto delle Città Metropolitane e dei Liberi Consorzi – spiega De Luca -. La soluzione che hanno trovato è quella che io avevo chiesto e suggerito da mesi, cioè prendere una parte delle somme assegnate alla Sicilia sul Fondo Sviluppo e Coesione e dare la possibilità di utilizzarle per la gestione corrente, per mettere a sistema nuovamente le vecchie province regionali e scongiurare il fallimento. Ma, dopo mesi di discussione, hanno deciso di portare avanti una soluzione che individua un fondo di 150 milioni che non basta nemmeno per fare i bilanci 2019. La maggior parte di noi non ha potuto approvare i bilanci 2018 e qualcuno nemmeno il 2017. Ci sono disavanzi che devono essere riportati nell’arco del triennio 2019-2021 e quindi come può ripartire il sistema se con questo stanziamento non si potranno sistemare nemmeno i bilanci del 2019?”.

Vanno prese risorse per 350 milioni dal Fondo Sviluppo e Coesione – conclude De Luca -, e ad oggi sono impegnati solo 500 milioni di euro ma ne sono stati spesi soltanto 100 milioni. Significa che entro dicembre 2021, tutto quello che non sarà stato speso verrà revocato come già accaduto nelle precedenti programmazioni. Noi andiamo avanti con la nostra azione, il Governo deve metterci nelle condizioni di mettere in sicurezza strade e scuole e di poter dare i servizi essenziali alle nostre comunità. Questa soluzione, ad oggi, ci rimetterà in ginocchio tra qualche mese e non ci farà attuare gli interventi necessari sui territori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin