De Luca caccia gli ambulanti di Torre Faro: duro scontro con gli irregolari :ilSicilia.it
Messina

Duro scontro con gli irregolari

Messina: De Luca caccia gli ambulanti di Torre Faro

di
22 Agosto 2018

Gli ambulanti che non si mettono in regola non potranno occupare le nostre strade e le nostre piazze. Adesso basta, quando impareranno l’educazione se ne riparlerà. Per adesso tutti fuori, la discussione è chiusa”. Si è conclusa così, con la dura presa di posizione del sindaco Cateno De Luca, il faccia a faccia di stamattina a Palazzo Zanca con una delegazione degli ambulanti di Torre Faro. Il primo cittadino di Messina sta affrontando in questi giorni la spinosa questione degli ambulanti irregolari nei confronti dei quali De Luca ha comunicato che non potranno più rimanere ad esercitare le attività in zona Torre Faro senza un’apposita autorizzazione.

E il confronto tra le parti, previsto per oggi in Comune, si è ben presto trasformato in uno scontro che ha portato De Luca a ordinare lo sgombero della stanza del sindaco. “L’oggetto della discussione era quello delle Concessioni temporanee collegate agli eventi, le altre discussioni e le altre riunioni si fanno dopo, altrimenti il confronto si chiude qui e d’ora in poi quello che succede succederà e basta”, ha detto De Luca agli ambulanti, aggiungendo: “Non sono disposto a tollerare questo caos”. Immediata la protesta degli ambulanti e la presa di posizione di alcuni operatori che hanno inveito nei confronti del sindaco, esclamando: “Noi stiamo portando rispetto, non siamo dei maleducati. Siamo su strada e combattiamo la fame, ma non per questo dobbiamo imparare l’educazione. Quella devono invece impararla i politici che hanno la tranquillità dello stipendio garantito ogni mese”.

De Luca si era recato lo scorso fine settimana a Torre Faro con un blitz che era stato caratterizzato da un primo momento di aspro confronto con gli ambulanti. Le parti si erano date appuntamento in Comune ma il colloquio per chiarire le posizioni si è invece tradotto in uno scontro dai toni duri, con un reciproco scambio di accuse.

“C’è stato un acceso confronto – ha spiegato De Luca – con gli ambulanti che abusivamente esercitano l’attività occupando illegittimamente il suolo pubblico. Si tratta dei cosiddetti ambulanti festaioli cioè quelli che svolgono attività solo in occasione delle festività patronali e ricorrenze specifiche. Abbiamo ribadito che non possiamo tollerare le attività abusive e che siamo disponibili ad avviare un percorso di regolarizzazione. Non accettiamo intimidazioni e proseguiremo sulla strada intrapresa di lotta senza frontiere agli abusivi ed ogni forma di attività abusiva. Domani alle ore 8:30 si proseguirà con gli ambulanti itineranti”.

“Abbiamo disposto lo sgombero di una cinquantina di bancarelle abusive lasciandone una minima parte che non crea problemi di ordine pubblico o intralcio e che comunque appartengono ad ambulanti che avevano regolarizzato la loro posizione – ha evidenziato De Luca -. Il tempo dell’illegalità è finito. Chi non si mette in regola non potrà occupare le nostre strade e le nostre piazze”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin