De Luca: "Consiglio di Messina approva il bilancio solo per non andare a casa" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco attacca i consiglieri

De Luca: “Consiglio di Messina approva il bilancio solo per non andare a casa”

di
5 Gennaio 2022

Il Consiglio comunale di Messina approva il bilancio consuntivo dell’ente ma il sindaco Cateno De Luca non risparmia nuove bordate ai componenti dell’assemblea, che vengono definiti dal primo cittadino “asini volanti”.

“I consiglieri sono 32 – ha dichiarato De Luca in una delle sue dirette social -, nella prima e seconda seduta era mancato il numero legale e così alla terza, per essere valida la seduta, bastava la presenza di 13 consiglieri su 32. I presenti all’apertura erano 18 ma tre sono andati via, avendo visto che c’era il numero minimo per poter approvare il consuntivo. C’è chi ha votato di no per fare vedere che non temeva di andare a casa ma in questo caso le elezioni anticipate sono il vaccino. Se il bilancio fosse stato approvato entro il 30 dicembre sarebbe stato possibile, avendo già dei progetti esecutivi pronti, fare le gare d’appalto già in questo mese di gennaio, e invece adesso si dovranno aspettare altre operazioni contabili, come l’approvazione del consuntivo 2022 e quindi tra un anno ne parliamo. Quindi queste gare per appalti importanti non si potranno fare. E ora c’è chi si vanta che questi appalti non potranno essere fatti dal sindaco in carica”.

“Se il bilancio non fosse stato approvato entro l’11 gennaio – rimarca De Luca – il Consiglio comunale sarebbe stato sciolto ma hanno voluto fare l’atto politico e la ripicca, approvandolo adesso anzichè entro il 30 dicembre. I lavori che potevano partire subito slittano di un anno e allora è la conferma che è meglio andare al voto anticipato perchè con questo Consiglio di “asini volanti” non si riesce a galleggiare neanche come la m…a”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.