De Luca e gli hippie della Renault 4: "Loro fanno festini, noi in casa. Evviva il Ministro" | VIDEO :ilSicilia.it
Caltanissetta

nuovo video della comitiva francese

De Luca e gli hippie della Renault 4: “Loro fanno festini, noi in casa. Evviva il Ministro” | VIDEO

8 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Non si placa lo scontro tra il sindaco di Messina, Cateno De Luca e il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.

Il primo cittadino insiste sulla spinosa vicenda della Renault 4 con artisti di strada francesi che dopo aver raggiunto l’Italia e aver “bucato” i controlli nello Stretto, si è poi diretta ad Acitrezza (Catania) e ora è a Mazzarino (Caltanissetta). Stavolta De Luca mostra un nuovo filmato postato dalla comitiva della Renault 4, che in queste ore si trova nella provincia nissena.

“Mentre noi siciliani siamo murati in casa per lottare contro il Coronavirus questi signori della Renault 4, stanno andando in giro per la Sicilia, a scorazzare indisturbati. Ma poi sono io che vengo denunciato, vero signor Ministro dell’Interno?”, attacca De Luca.

Poi l’ennesimo affondo di De Luca: “Manca solo la Ministra ai festini in violazione di legge organizzati dagli occupanti della Renault 4. Piuttosto che fare azioni di cecchinaggio contro il sindaco De Luca perché lo Stato e la Regione non fermano i festini dei signori della Renault 4 ? Questi signori entrate in violazione di legge in Italia e dal 22 marzo in Sicilia, mangiano, ballano, bevono e giocano a carte a spese nostre e ci sfottono pure. Evviva la regolarità dei controlli effettuati dalla Ministra Lamorgese. Ma le mascherine questi signori lo sanno cosa sono?”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.