13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.14
Messina

il sindaco punta tutto sul "Salva Messina"

De Luca: “Ecco il mio testamento se lunedì il Consiglio comunale mi farà fuori”

12 Ottobre 2018

Cateno De Luca si prepara alla battaglia finale in Consiglio comunale sulla situazione debitoria del Comune di Messina che ha un’esposizione di oltre 430 milioni di euro e, proprio alla vigilia del confronto politico di lunedì sul piano “Salva Messina”, il sindaco della Città dello Stretto parla di quello che definisce il suo “testamento politico”.

“Scusatemi se vi ho trascurato – afferma il primo cittadino rivolgendosi ai messinesi – ma sono stato impegnato a completare il progetto “Salva Messina” che rappresentera’ il mio testamento se lunedi 15 ottobre sarò fatto fuori da sindaco dal Consiglio comunale, oppure rappresenterà, se invece il Consiglio comunale lo approverà, il documento di risanamento economico finanziario ed il rilancio della nostra città”.

Proprio nella tarda mattinata di oggi si è svolta un’ennesima riunione a Palazzo Zanca con i consiglieri comunali per fare il punto della situazione. “Tutti i gruppi erano presenti, tranne il Partito Democratico, la cui rappresentanza aveva già anticipato la sua non disponibilità per motivi professionali, ed è stata esaminata la proposta elaborata dal sindaco. Tutti i gruppi consiliari, tranne i Cinque stelle che nel week and si riuniranno con la deputazione regionale e nazionale, hanno espresso la loro condivisione ed hanno formulato degli accorgimenti subito accolti dal sottoscritto. Stanotte, dopo il definitivo incontro con le parti sociali già fissato per questa sera, sarà redatto il testo definitivo del “Salva Messina” ed inviato a tutti i consiglieri comunali”.

E, come detto, si va verso il bivio finale anche nel confronto tra De Luca e i sindacati dopo i momenti di alta tensione dei giorni recenti. “Abbiamo intrapreso un duro ed aspro confronto con le parti sociali con il Comune che, da un lato, cerca di far comprendere il disastro nel quale si trova Messina ed i sindacati, dall’altro, che rivendicano soltanto la salvaguardia dei posti di lavoro. Non credo che giungeremo ad una costruttiva sintesi ma continuiamo a dialogare per cercare un punto di incontro nell’interesse della città”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.