De Luca endurista si difende su Canale 5: "Quanta ipocrisia, io sono così" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina replica alle accuse

De Luca endurista si difende su Canale 5: “Quanta ipocrisia, io sono così”

4 Novembre 2019

Il sindaco di Messina, ospite del programma Mattino Cinque, su Canale 5, ha replicato alla pioggia di critiche arrivate per la scena della sgommata in moto nella stanza del primo cittadino e la successiva discesa delle scale del municipio in sella ad una Husqvarna 300 da enduro. 

“Da fanciullo facevo delle scorribande con la mia vespa truccato e non era previsto, insomma, anche di scendere dalle scale con la moto. Mi sono lasciato prendere adesso un pò la mano e non rientrava nel protocollo, io però sono una persona molto spontanea. Quando tutto viene concordato preventivamente non ci vedo, per altro, niente di male. Tutto è stato controllato per evitare problemi. Qui si tratta di un’azione di testimonianza di un evento come ne ho fatte altre e ho sempre adottato delle cautele preventive. Non si capisce tutto questo scandalismo, non credo che io possa istigare a delinquere con questo comportamento. E’ una promozione evidente e chiara. Ho visto in altri casi anche enduristi passare sui tavoli in una cena mentre i commensali erano lì attenti a capire se il motociclista era davvero bravo. Siamo invece riusciti in questo caso a promuovere in maniera seria una valida iniziativa”.

“Hanno cercato di creare uno scandalo nazionale, De Luca sgarrupato endurista. Hanno tentato invano di mettere in cattiva luce un sindaco del Sud. Ma Cateno De Luca è uno che fa blitz notturni, è uno che fa la lotta alla prostituzione e alla movida selvaggia e vado nelle discoteche per contrastare il cosiddetto alcol selvaggio, quindi l’esempio che il sindaco sta dando alla sua comunità è su tutti fronti ed è soprattutto un esempio positivo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.