De Luca endurista si difende su Canale 5: "Quanta ipocrisia, io sono così" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina replica alle accuse

De Luca endurista si difende su Canale 5: “Quanta ipocrisia, io sono così”

4 Novembre 2019

Il sindaco di Messina, ospite del programma Mattino Cinque, su Canale 5, ha replicato alla pioggia di critiche arrivate per la scena della sgommata in moto nella stanza del primo cittadino e la successiva discesa delle scale del municipio in sella ad una Husqvarna 300 da enduro. 

“Da fanciullo facevo delle scorribande con la mia vespa truccato e non era previsto, insomma, anche di scendere dalle scale con la moto. Mi sono lasciato prendere adesso un pò la mano e non rientrava nel protocollo, io però sono una persona molto spontanea. Quando tutto viene concordato preventivamente non ci vedo, per altro, niente di male. Tutto è stato controllato per evitare problemi. Qui si tratta di un’azione di testimonianza di un evento come ne ho fatte altre e ho sempre adottato delle cautele preventive. Non si capisce tutto questo scandalismo, non credo che io possa istigare a delinquere con questo comportamento. E’ una promozione evidente e chiara. Ho visto in altri casi anche enduristi passare sui tavoli in una cena mentre i commensali erano lì attenti a capire se il motociclista era davvero bravo. Siamo invece riusciti in questo caso a promuovere in maniera seria una valida iniziativa”.

“Hanno cercato di creare uno scandalo nazionale, De Luca sgarrupato endurista. Hanno tentato invano di mettere in cattiva luce un sindaco del Sud. Ma Cateno De Luca è uno che fa blitz notturni, è uno che fa la lotta alla prostituzione e alla movida selvaggia e vado nelle discoteche per contrastare il cosiddetto alcol selvaggio, quindi l’esempio che il sindaco sta dando alla sua comunità è su tutti fronti ed è soprattutto un esempio positivo”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.