De Luca: "Farò il sindaco a mani nude, la gente a Messina è disperata" :ilSicilia.it
Messina

Il deputato tra i disagi di Camaro San Paolo

De Luca: “Farò il sindaco a mani nude, la gente a Messina è disperata”

30 Maggio 2018

Accorinti andava a piedi scalzi? Noi governeremo a mani nude, con i fatti e in modo concreto e serio, per risolvere i problemi di Messina e dei messinesi. La gente non ce la fa più, c’è bisogno di un sindaco come me che vada ad affrontare con grande determinazione le emergenze di questo territorio”. Così Cateno De Luca, candidato sindaco di Messina, valuta la situazione nei quartieri messinesi che sta girando in lungo e in largo in questi giorni, e già da parecchie settimane, in vista delle elezioni comunali del 10 giugno.

“Bisogna andare a mani nude e con determinazione anche nelle zone urbane di frontieraha detto De Luca -. Ieri sera a Camaro San Paolo, durante un nostro comizio, ci sono state delle contestazioni di alcuni abitanti che alla fine del comizio si sono scusati davanti al resto della comunità accorsa per tranquillizzare gli animi. Noi comprendiamo, è un grido di dolore perché in certe zone di frontiera la gente ormai è disperata e non crede più nei politici e nella politica. Noi però siamo la svolta per Messina e faremo di tutto per farlo comprendere a tutta la comunità ivi incluso Camaro San Paolo e tutte le altre”.

“Sto girando tutti i quartieri e mi sto rendendo conto della situazione difficilissima che c’è – continua il deputato -. Il tempo delle chiacchiere e delle promesse è finito. Non sono bionico e cerco di essere presente in tutte le varie zone: ci sto mettendo tanto amore e passione in quel che faccio. Anche in queste ore, pur provato dalle fatiche delle giornate, lo abbiamo spiegato ai tanti amici che sono venuti per conoscermi. La gente è stufa di vedere passerelle e sentire promesse che poi non si realizzano. Sarò io l’uomo giusto per Messina? Sicuramente sono l’unico uomo libero che può garantire la svolta per Messina”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona