De Luca: “Il Patto della Madonnina ha funzionato. Messina territorio più forzista d’Italia” :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

Quasi 50 mila voti per Dafne Musolino

De Luca: “Il Patto della Madonnina ha funzionato. Messina territorio più forzista d’Italia”

di
27 Maggio 2019

“Siamo soddisfatti del risultato conseguito da Dafne Musolino che ha sfiorato le 50 mila preferenze. Non è un caso che la città e la provincia di Messina si siano rivelata le più forziste d’Italia, ritornando ad essere protagoniste nella geopolitica che conta, con un contributo straordinario di voti rappresentati dalle 24 mila preferenze conseguite da Dafne Musolino e circa il 24% dei complessivi voti di lista a Forza Italia”. Lo ha dichiarato il sindaco di Messina, Cateno De Luca, a commento della tornata elettorale appena conclusa che attesta Forza Italia al ruolo di primo partito a Messina.

“Non ci sono dubbi – continua il primo cittadino – che il consenso di Dafne Musolino rappresenta l’apporto di Sicilia Vera, di Sicilia Futura e di parte dell’UDC siciliano, ascrivibile alla lungimirante visione politica del coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, finalizzata a superare gli steccati della mera appartenenza partitica a beneficio di una strategia di area con la condivisione di comuni valori ed ambiziosi obiettivi”.

Adesso basta con i pupi e i pupari, diamo spazio ai veri uomini, io sono pronto a continuare il percorso – aggiunge De Luca -. Il cosiddetto “Patto della Madonnina” sottoscritto il 20 maggio a Messina, grazie alla mediazione di Sicilia Futura, ha consentito all’on. Giuseppe Milazzo di superare Saverio Romano, aprendo dei nuovi scenari per i prossimi assetti della Giunta Regionale e della presidenza dell’Anci Sicilia, fino a giungere all’indicazione del prossimo candidato alla Presidenza della Regionale Siciliana del 2022. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli elettori, in particolar modo quelli della città e provincia di Messina, per il sostegno dimostrato”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin