De Luca: "Io come Salvini? Quando ho iniziato a fare blitz lui prendeva il biberon" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina respinge il paragone

De Luca: “Io come Salvini? Quando ho iniziato a fare blitz lui prendeva il biberon”

10 Luglio 2019

Al Comune di Messina ci sono dei poltroni che vogliono continuare a non fare nulla. Non posso consentirlo. Io sto facendo dei blitz per controllare e verificare personalmente la situazione e continuerò a farli. D’altronde ho iniziato a fare blitz dal 2003, da quando ero sindaco a Fiumedinisi. Li ho fatti poi anche dal 2012 in poi a Santa Teresa di Riva e lo stesso discorso vale adesso, a maggior ragione, al Comune di Messina”. Il monito arriva dal sindaco di Messina, Cateno De Luca. 

“Mi paragonano a Matteo Salvini? Quando ho iniziato io a fare i blitz, Salvini prendeva ancora il biberon. Sto fronteggiando tante porcherie e ora il tempo è scaduto per tutti e se le porcherie ci sono ancora ne risponderanno i dirigenti stessi. Mi rimproverano di fare il sindaco come a Fiumedinisi o come a Santa Teresa di Riva? Quelle esperienze sono state importanti e hanno dato grandi risultati, meritano di essere rispettate come vanno rispettate tutte e due le comunità di cui sono fiero e orgoglioso di essere stato sindaco, come lo sono adesso di essere sindaco di Messina. Il problema è che a Messina alcuni impiegati si sono possono permettere di rubare e non fare niente. La giustizia per me vale ovunque, sempre e per tutti, senza distinzioni e senza privilegi per nessuno. Ribadisco che continuerò a fare il sindaco a modo mio, ho ammonito chi aveva delle responsabilità a prendere le misure conseguenziali e se ciò non è stato fatto, ci penserò direttamente io”.

“Non si può continuare con impiegati che non timbrano, non firmano e non danno conto a nessuno conclude De Luca -. Vogliamo ancora impiegati che hanno alloggi e privilegi? No, non è possibile e non è accettabile. Con me tutto questo non può continuare e non accadrà più”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.