17 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.32
Messina

il sindaco di Messina respinge il paragone

De Luca: “Io come Salvini? Quando ho iniziato a fare blitz lui prendeva il biberon”

10 Luglio 2019

Al Comune di Messina ci sono dei poltroni che vogliono continuare a non fare nulla. Non posso consentirlo. Io sto facendo dei blitz per controllare e verificare personalmente la situazione e continuerò a farli. D’altronde ho iniziato a fare blitz dal 2003, da quando ero sindaco a Fiumedinisi. Li ho fatti poi anche dal 2012 in poi a Santa Teresa di Riva e lo stesso discorso vale adesso, a maggior ragione, al Comune di Messina”. Il monito arriva dal sindaco di Messina, Cateno De Luca. 

“Mi paragonano a Matteo Salvini? Quando ho iniziato io a fare i blitz, Salvini prendeva ancora il biberon. Sto fronteggiando tante porcherie e ora il tempo è scaduto per tutti e se le porcherie ci sono ancora ne risponderanno i dirigenti stessi. Mi rimproverano di fare il sindaco come a Fiumedinisi o come a Santa Teresa di Riva? Quelle esperienze sono state importanti e hanno dato grandi risultati, meritano di essere rispettate come vanno rispettate tutte e due le comunità di cui sono fiero e orgoglioso di essere stato sindaco, come lo sono adesso di essere sindaco di Messina. Il problema è che a Messina alcuni impiegati si sono possono permettere di rubare e non fare niente. La giustizia per me vale ovunque, sempre e per tutti, senza distinzioni e senza privilegi per nessuno. Ribadisco che continuerò a fare il sindaco a modo mio, ho ammonito chi aveva delle responsabilità a prendere le misure conseguenziali e se ciò non è stato fatto, ci penserò direttamente io”.

“Non si può continuare con impiegati che non timbrano, non firmano e non danno conto a nessuno conclude De Luca -. Vogliamo ancora impiegati che hanno alloggi e privilegi? No, non è possibile e non è accettabile. Con me tutto questo non può continuare e non accadrà più”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.