De Luca: "Ministro Lamorgese, perché non si dimette? Sabato blocchiamo lo Stretto, non si passa più" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina non si ferma

De Luca: “Ministro Lamorgese, perché non si dimette? Sabato blocchiamo lo Stretto, non si passa più”

1 Aprile 2020

E’ ormai guerra aperta tra il sindaco di Messina, Cateno De Luca e il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. De Luca va ancora all’attacco della titolare del Viminale che lo ha denunciato nei giorni scorsi per vilipendio alle Istituzioni. “Signora Ministra dell’Interno perché non si dimette? Noi sabato prossimo blocchiamo lo Stretto di Messina e non si passa più“.

“La Renault 4 degli artisti di strada francesi continua a girare per la Sicilia dopo che il 22 marzo alle ore 22:30 ha abusivamente attraversato lo Stretto di Messina – continua De Luca -. Lei signora Ministra mi ha denunciato perché vi ho mandato a quel paese ma continua a prendere per i fondelli i messinesi ed i siciliani consentendo lo sbarco indiscriminato in Sicilia come gli artisti di strada francesi”. 

Poi l’avvertimento di De Luca: “Siccome ora mi sono stancata di essere presa in giro le annuncio che sabato prossimo, in assenza dell’introduzione del sistema di controllo proposto dal Comune di Messina e condiviso con Capitaneria di Porto ed Autorità portuale, i siciliani bloccheranno lo Stretto di Messina”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.