De Luca: "Ok in 60 giorni al nuovo Palazzo di giustizia a Messina o revoco tutto" :ilSicilia.it
Messina

ultimatum del sindaco al Ministero

De Luca: “Ok in 60 giorni al nuovo Palazzo di giustizia a Messina o revoco tutto”

22 Ottobre 2019

Ora basta. Sul Palazzo di giustizia ho avviato il preavviso di disdetta dei precedenti protocolli di intesa. O entro 60 giorni si chiarisce tutto oppure il Comune di Messina si tira fuori da questa trentennale pantomima”.

Il monito sul “tormentone” irrisolto del nuovo palazzo di giustizia arriva dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, che ha inviato una nota alle parti interessate dal protocollo di intesa per sollecitare un chiarimento definitivo: al Ministero di Giustizia ma anche al Ministro della Difesa, all’Agenzia del Demanio, e per conoscenza alla Prefettura di Messina e alla Corte d’Appello di Messina e alla Procura di Messina.

“Il Comune di Messina non ha ancora avuto ad oggi alcuna notizia dell’avvio del percorso amministrativo per la realizzazione del nuovo palazzo di giustizia. EÈbene ricordare che con deliberazione dell’8 febbraio 2017 è stata approvata la bozza del protocollo d’intesa tra tra le parti per realizzare l’opera nell’area dell’ospedale militare di Viale Europa. Nel protocollo era prevista la realizzazione di del nuovo ospedale militare con la rifunzionalizzazione ed ampliamento, a carico del Comune di Messina, del comprensorio ex magazzini Gazzi da mettere già in uso alla Marina Militare”.

De Luca richiama un incontro che a suo tempo ci fu con l’Agenzia del Demanio nel quale “si era convenuto che tale ente avrebbe prodotto una relazione contenente il crono-programma e l’analisi dei costi del progetto previsto dal protocollo d’intesa siglato ormai più di due anni fa”.

“Il 3 ottobre scorso – continua De Luca – la conferenza permanente ha discusso la situazione di criticità degli uffici giudiziari di Messina e in merito alla realizzazione del nuovo palazzo di giustizia si è espresso di trasmettere a tutte le autorità centrali e periferiche la nota del Prefetto di Messina da cui risulta la disponibilità dell’Università di Messina, a fornire al personale di Sanità dell’ospedale Militare, adeguata sistemazione in via provvisoria, nei locali del Policlinico. Tale soluzione consentirebbe di avere in tempi ragionevoli la disponibilità dell’area dell’ex ospedale militare, senza attendere i tempi più lunghi del protocollo d’intesa, anche perché allo stato sembra essere stato redatto soltanto il progetto di massima relativo al nuovo polo ospedaliero militare”.

De Luca chiedere alle Istituzioni di “adottare le decisioni relative alla progettazione e alla realizzazione del nuovo palazzo di giustizia, valutando come suggerito dagli Uffici Giudiziari cittadini, anche l’opportunità di revocare il richiamato protocollo d’intesa”, e aggiunge: “La mia nota è da intendersi come avvio del procedimento di revoca dei richiamati protocolli d’intesa, con l’avvertenza che trascorsi inutilmente 60 giorni, si procederà a porre in essere la delibera di Giunta municipale di revoca dei protocolli, con la contestuale rinuncia al residuo mutuo di 17 milioni di euro concesso al Comune di Messina nei primi Anni Novanta per la realizzazione di un nuovo palazzo di giustizia”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.