De Luca: "Perché i messinesi non vogliono nei loro condomini i baraccati?" :ilSicilia.it
Messina

appello del sindaco ai proprietari di immobili

De Luca: “Perché i messinesi non vogliono nei loro condomini i baraccati?”

di
6 Dicembre 2019

“Perché i messinesi non vogliono nei propri condomini le famiglie provenienti dalle baracche?”. A lanciare l’interrogativo, e contestualmente un appello, è il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che pone così al centro dell’attenzione le ulteriori difficoltà delle persone disagiate delle periferie del capoluogo nel trovare una nuova (e più degna) collocazione residenziale.

“Abbiamo fatto il punto della situazione sugli alloggi disponibili alla cessione ad Arisme per le famiglie che vivono nelle baracche ed ancora non ci siamo. Abbiamo i soldi per acquistare almeno 300 immobili ma la reale disponibilità è di circa 100. Entro venerdì 13 dicembre faremo il punto definitivo della situazione”.

Quindi ecco l’appello pubblico di De Luca: “Invito i proprietari di immobili a venderli ad Arisme e spero che quello che abbiamo informalmente saputo non corrisponda alla realtà: in qualche condominio stanno creando problemi a dei proprietari che intendono vendere le case ad Arisme. Nel frattempo abbiamo completato le procedure per Case D’Arrigo”.

Per quanto concerne il risanamento in ambito “D”, delle “Case D’Arrigo” è stata pubblicata approvata e pubblicata sul sito istituzionale del Comune alla sezione Arisme, Agenzia per il Risanamento (presieduta dall’avvocato Marcello Scurria), la graduatoria provvisoria dei nuclei familiari residenti all’interno di tale ambito in via Salandra, da risanare ai sensi della L.R. 10/90, degli aventi titolo e degli esclusi all’assegnazione di alloggio. Gli interessati, entro le ore 13 di giovedì 12, potranno produrre memorie o documenti per l’eventuale rettifica di errori. Successivamente, previa approvazione della graduatoria definitiva, si procederà all’assegnazione degli alloggi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.