De Luca: "Privacy violata nei miei video su Fb? Sanzione abnorme" :ilSicilia.it
Messina

scontro sulle dirette social del sindaco

De Luca: “Privacy violata nei miei video su Fb? Sanzione abnorme”

di
23 Giugno 2021

E’ scontro aperto e braccio di ferro che approderà in tribunale tra il sindaco di Messina, Cateno De Luca, ed il garante Garante per la Protezione dei Dati Personali che ha inflitto una sanzione di 50mila euro al leader di “Sicilia Vera”.

La contestazione mossa al primo cittadino di Messina è quella, nell’ambito delle sue dirette Facebook, di aver “travalicato i limiti posti dal principio di essenzialità dell’informazione, stabilito dalle disposizioni in materia di protezione dei dati personali e dalla Regole deontologiche dei giornalisti, violando il diritto di non discriminazione e ledendo la dignità delle persone riprese”. Per questo è stata disposta la condanna a De Luca al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria pari a 50mila euro ed alla rimozione dei video in questione.

La sanzione ha scatenato l’immediata risposta del sindaco di Messina.

Cateno De Luca“Il garante della privacy ci sanziona ed il sistema vorrebbe metterci il bavaglio istituzionale. E’ un attacco politico. Ho già avuto 17 processi e 2 arresti ma sono incensurato e sono stato sempre assolto. Se dovessi applicare alla lettera quello che dice il garante, io non potrei pubblicare più nulla. Voglio sapere chi mi ha denunciato. Siamo certi che sia stato io a violare la privacy e o l’ha violata chi mi accusa?”. Non posso essere “sputtanato” così, con un provvedimento pubblicato quando ancora non è neanche definitivo”.

Secondo De Luca “Si tratta di un provvedimento abnorme, che verrà contestato nelle opportune sedi giudiziarie”. “Il Garante – secondo De Luca – ha ritenuto di sanzionare la pubblicazione di alcuni video equiparando la pubblicazione sulla pagina Facebook “De Luca Sindaco di Messina” ad una pubblicazione giornalistica, facendo espresso riferimento all’art. 137 del Codice della Privacy, che sanziona il trattamento “finalizzato esclusivamente alla pubblicazione o diffusione anche occasionale di articoli, saggi e altre manifestazioni del pensiero anche nell’espressione accademica, artistica e letteraria” ed alle Regole Deontologiche nell’esercizio dell’attività giornalistica. In sostanza secondo il Garante la pubblicazione sulla pagina facebook del Sindaco De Luca è equivalente ad una informazione di tipo giornalistico e, a questo punto, ci chiediamo pure se il garante intenda denunciarmi per esercizio abusivo della professione di giornalista, considerato che non ho mai dichiarato di svolgere report giornalistici né di possedere i relativi titoli professionali”.

“Senza contare poi – continua De Luca – che i video per i quali il Garante ha ritenuto violata la dignità delle persone ritratte avevano ad oggetto, in un caso, alcune persone che erano state trovate a dormire nelle pertinenze di un ufficio pubblico e che erano state allontanate. Questo video era stato già rimosso dalla pagina De Luca Sindaco a seguito della comunicazione del Garante. L’altro video, invece, riguarda una vicenda della quale sono stato coinvolto direttamente dai genitori del minore, i quali si erano rivolti a me denunciando che, nonostante le numerose e documentate richieste, non riuscivano ad ottenere lo stallo per la sosta disabili per il proprio figlio affetto da un grave handicap. Ricorderete senz’altro che mi sono occupato personalmente della vicenda e gli stessi genitori di questo ragazzo mi chiesero di fare una diretta per ringraziarmi del mio intervento. Ancora oggi continuo a sentire questi genitori informandomi delle condizioni di salute del loro figlio e di certo mai mi sarei potuto aspettare che un evento, che è stato pubblicato sulla pagina con l’intento di condividere la soddisfazione di questa famiglia per il riconoscimento di un loro diritto, mi sarebbe stato contestato come una lesione dei diritti e della dignità di un minore affetto da grave disabilità”.

Cateno De Luca“Al mio stupore – rimarca il primo cittadino – aggiungo anche un sincero sconcerto che deriva dal prendere atto che lo stesso Garante ha violato le norme sulla privacy! Difatti il provvedimento mi è stato notificato giovedì 17 giugno 2021 con avviso che è mia facoltà proporre ricorso innanzi l’Autorità giudiziaria entro il termine di giorni trenta dalla notifica. Orbene, costituisce principio pacifico ed incontrastato del nostro sistema giudiziario che, fino a quando un provvedimento non acquista lo stato di definitività, dello stesso non si faccia pubblicazione né pubblicità proprio perché il Giudice potrebbe ritenerlo illegittimo ed annullarlo. A maggior ragione nel caso in cui si tratti di un provvedimento amministrativo e non giudiziario, di un provvedimento cioè che è stato emesso da un organo amministrativo che, in quanto tale, non ha la garanzia di imparzialità e terzietà che sono esclusivamente della Magistratura. Chiariremo nelle opportune sedi la natura di questo provvedimento che, come ho già detto, risulta abnorme e sproporzionato anche per la quantificazione della sanzione pecuniaria e della sanzione accessoria della pubblicazione del provvedimento sul sito del Garante che ha dimostrato una fretta ingiustificata pubblicando il suo provvedimento appena 5 giorni dopo la sua notificazione, senza neppure oscurare i dati sensibili e senza neppure attendere che sia scaduto il termine per l’eventuale opposizione, di fatto anticipando la mia condanna senza attendere che sia la magistratura a pronunciarsi in merito e, di conseguenza, ledendo la mia privacy e procurandomi un sicuro danno”.

“Ho già dato mandato ai miei legali – conclude il sindaco di Messina – di promuovere il ricorso avverso questo provvedimento, perché oltre all’evidente erroneità dello stesso, non accetto di ricevere una condanna per un video in cui si è documentato solo il buon esito di un procedimento amministrativo che era stato negato per anni. Dell’altro video, come ho già detto, avevo già provveduto ad eliminare ogni riferimento e di ciò mi ha dato atto lo stesso Garante, sicchè chiederò al Tribunale di pronunciarsi sulla reale pretesa offensività della condotta contestata con una imparziale valutazione dei fatti e una corretta applicazione – come siamo sicuri che l’Autorità Giudiziaria non mancherà di fare – delle norme di legge al caso di specie”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin