De Luca provoca Conte: "Gioco delle tre carte. Mi vuole come ministro delle Finanze..." :ilSicilia.it
Messina

nuova provocazione del sindaco

De Luca provoca Conte: “Gioco delle tre carte. Mi vuole come ministro delle Finanze…”

di
11 Luglio 2020

Dopo i toni roventi dei mesi di lockdown, il sindaco di Messina, Cateno De Luca torna all’attacco del premier Giuseppe Conte e attraverso una telefonata immaginaria con Palazzo Chigi lancia la sua ennesima provocazione, su quello che definisce “il gioco delle tre carte di Conte”.

“Ho finito di parlare ora con il presidente del consiglio dei Ministri Giuseppe Conte – afferma De Luca – in merito al gioco delle tre carte rappresentato dal prestito di liquidità ai comuni previsto dagli Art. 115 e 116 del Decreto Legge n. 34/2020 (Rilancio). Ho detto a Giuseppe che io non voglio indebitate ulteriormente la mia comunità e non sono d’accordo a farmi tenere al guinzaglio finanziario dallo Stato con questi prestiti capestro. Ho spiegato a Giuseppe il miracolo che abbiamo fatto in appena 24 mesi di amministrazione De Luca: abbiamo abbattuto i debiti di oltre il 50% ( da 550 milioni a 250 milioni); non spendiamo più soldi per interessi passivi per anticipazioni di tesoreria perché abbiamo un liquidita media di circa 30 milioni di euro; abbiamo già trovato la copertura contabile e finanziaria per saldare nei prossimi tre anni tutti i debiti ereditati”.

“Giuseppe ha così esclamato: “Min…ia perché non vieni a farmi il ministro dell’Economia e Finanze? Ed io: caro Giuseppe invece di sparare str….ate, perché non pensi a mandarmi gli oltre 10 milioni di euro che ancora non mi hai mandato piuttosto che tentare di vendermi la medesima liquidità che già dovevi accreditarmi al 30 giugno 2020?”.

“Caro Giuseppe – conclude De Luca -, il gioco delle tra carte con me non funziona e soprattutto io non lascio nuovi debiti pur di galleggiare come la m…da, perché questo mestiere lo lascio fare a voi che siete i campioni olimpionici dell’indebitamento parassitario e clientelare. Ciao Giuseppe alla prossima”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.