20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.55
Messina

Oggi si è svolta l’udienza preliminare

De Luca resta libero: la Cassazione dice no all’arresto del sindaco di Messina

11 Luglio 2018

La Suprema Corte di Cassazione ha decretato che Cateno De Luca rimane un uomo libero. Lo ha stabilito in riferimento alla vicenda che aveva visto il sindaco metropolitano di Messina finire ai domiciliari per evasione fiscale lo scorso 8 novembre, a 48 ore di distanza dall’elezione allora a deputato dell’Assemblea Regionale (dove di recente ha lasciato il posto a Danilo Lo Giudice per la sua avvenuta elezione a sindaco di Messina). Il Tribunale della Libertà aveva scarcerato De Luca dodici giorni dopo l’arresto. Nelle scorse ore, a Roma, si è tenuta l’udienza in Cassazione per stabilire se De Luca dovesse o meno tornare ai domiciliari e la Corte ha detto “no” all’arresto.

“La Suprema Corte di Cassazione – ha evidenziato De Luca – ci ha dato nuovamente ragione. Mentre ero in Consiglio comunale a Messina, si stava svolgendo a Roma l’udienza innanzi alla Suprema Corte di Cassazione ed ero in continuo contatto con il professor Carlo Taormina per capire se oggi rischiavo di tornare agli arresti domiciliari per la vicenda riguardante la presunta evasione Fiscale che ha causato il mio arresto dell’8 novembre scorso poi annullato dal Tribunale della Libertà. La Cassazione ha respinto il ricorso della Procura della Repubblica di Messina, confermando l’inesistenza dei presupposti dell’arresto”.

Oggi si è svolta innanzi al Gup – Tribunale di Messina l’udienza preliminare per stabilire se questa storia sarà archiviata oppure si farà un apposito processo per approfondire tutta la vicenda. Si attende l’esito a breve.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.