De Luca resta libero: la Cassazione dice no all'arresto del sindaco di Messina :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

Oggi si è svolta l’udienza preliminare

De Luca resta libero: la Cassazione dice no all’arresto del sindaco di Messina

di
11 Luglio 2018

La Suprema Corte di Cassazione ha decretato che Cateno De Luca rimane un uomo libero. Lo ha stabilito in riferimento alla vicenda che aveva visto il sindaco metropolitano di Messina finire ai domiciliari per evasione fiscale lo scorso 8 novembre, a 48 ore di distanza dall’elezione allora a deputato dell’Assemblea Regionale (dove di recente ha lasciato il posto a Danilo Lo Giudice per la sua avvenuta elezione a sindaco di Messina). Il Tribunale della Libertà aveva scarcerato De Luca dodici giorni dopo l’arresto. Nelle scorse ore, a Roma, si è tenuta l’udienza in Cassazione per stabilire se De Luca dovesse o meno tornare ai domiciliari e la Corte ha detto “no” all’arresto.

“La Suprema Corte di Cassazione – ha evidenziato De Luca – ci ha dato nuovamente ragione. Mentre ero in Consiglio comunale a Messina, si stava svolgendo a Roma l’udienza innanzi alla Suprema Corte di Cassazione ed ero in continuo contatto con il professor Carlo Taormina per capire se oggi rischiavo di tornare agli arresti domiciliari per la vicenda riguardante la presunta evasione Fiscale che ha causato il mio arresto dell’8 novembre scorso poi annullato dal Tribunale della Libertà. La Cassazione ha respinto il ricorso della Procura della Repubblica di Messina, confermando l’inesistenza dei presupposti dell’arresto”.

Oggi si è svolta innanzi al Gup – Tribunale di Messina l’udienza preliminare per stabilire se questa storia sarà archiviata oppure si farà un apposito processo per approfondire tutta la vicenda. Si attende l’esito a breve.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin