De Luca: "Scuola in presenza doveva iniziare a gennaio. Troppe criticità irrisolte" :ilSicilia.it
Messina

le perplessità del sindaco di Messina

De Luca: “Scuola in presenza doveva iniziare a gennaio. Troppe criticità irrisolte”

di
3 Ottobre 2020

Forse le attività scolastiche in presenza dovevano iniziare gennaio”. Lo ha dichiarato il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che non fa mistero della sua preoccupazione sulla situazione riguardante l’anno scolastico da poco iniziato.

“A giugno scorso l’istituto superiore di sanità ha diffuso le prescrizioni per l’avvio delle attività scolastiche – ha detto De Luca -. A fine luglio il governo nazionale ha messo a disposizione dei comuni una parte delle risorse per reperire le aule necessarie per adeguarsi alle disposizioni dell’istituto superiore di sanità. A fine agosto abbiamo iniziato i lavori di adeguamento di numerosi plessi ed abbiano acquisto la disponibilità dei privati per immobili da destinare ad aule scolastiche. A Messina la carenza di aule già è una vicenda che persiste da un decennio ed ancora permangono criticità in alcuni plessi scolastici. I banchi monoposto doveva fornirli il governo nazionale e non i comuni”.

“Penso che non eravamo pronti ad iniziare le attività scolastiche e sarebbe stato più saggio iniziare con la didattica a distanza fino a dicembre e nel frattempo risolvere tutte le criticità derivanti dalle norme anti-Covid per iniziare in presenza a gennaio. Ho voluto fare queste precisazioni per rispondere ai numerosi messaggi che mi pervengono come questo: “Trovo vergognoso che, cominciate la scuole”. “Mi raccomando mettete le mascherine!! Fate il percorso colorato a voi assegnato!! Tenete le distanze!” e poi mia figlia, al primo anno delle superiori si ritrova seduta a terra a scrivere su una sedia, dove immancabilmente si appoggiano le mani a terra e la schiena distrutta a fine lezione. Penso che sia solo una vergogna”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin