De Luca s'insedia e scioglie subito le partecipate: "A casa i direttori generali" :ilSicilia.it
Messina

le prime mosse del nuovo sindaco di Messina

De Luca scioglie le partecipate: “A casa i direttori generali”

di
25 Giugno 2018

Cateno De Luca diventa sindaco di Messina e nel suo primo giorno alla guida della città non ha perso tempo nei festeggiamenti per il trionfo e ha già riunito la Giunta, preannunciando pubblicamente le sue mosse più immediate. Domani assegnerà le deleghe all’Esecutivo e mercoledì incontrerà i vertici delle partecipate del Comune per comunicare il “benservito” agli attuali reggenti delle società, che verranno messe in liquidazione.

“Dopo una campagna elettorale lunga e aspra – ha detto De Luca – bisogna iniziare subito ad amministrare. Il tempo delle parole è finito, ora passeremo ai fatti. La Giunta si insedierà domani e darò subito le deleghe e nominerò il vicesindaco. C’è la necessità di amministrare e dare risposte alle città. Mercoledì incontreremo tutti i vertici ed i direttori generali delle società partecipate. Lo dico immediatamente che l’intenzione di messa in liquidazione delle partecipate è confermata, quindi i vertici di queste società, per quanto mi riguarda, se ne possono ritornare a casa senza alcun problema. La messa in liquidazione non richiede la figura del direttore generale”.

Poi De Luca si è soffermato sulle vicende giudiziarie che lo hanno riguardato e sull’azione intrapresa nei confronti di alcuni esponenti della magistratura: “Ho fatto delle denunce, non sono illazioni, quando uno fa una denuncia alle autorità competenti e denuncia determinati fatti con nomi e cognomi non credo che si tratta di illazioni. Io prima faccio gli atti dovuti e poi li rendo pubblici. In questa campagna elettorale Bramanti ha detto di avermi querelato ma io non l’ho vista e se l’ha fatta buon per lui. Io la querela l’ho fatta e l’ho pubblicata, perché nella vita ci vuole sempre stile. Ci sono delle indagini in corso presso la Procura di Reggio Calabria dove noi abbiamo depositato migliaia di pagine sui miei 7 anni di calvario giudiziario, 17 procedimenti penali e 2 arresti hanno portato ad una persona totalmente incensurata e che non ha collezionato nessuna condanna. Sino a quando le indagini non si chiuderanno non ne posso parlare. Non ne ho parlato in campagna elettorale non perché avessi qualcosa da nascondere, ma semplicemente perché non ne posso parlare sino a quando la questione si chiuderà”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin