De Luca s'insedia e scioglie subito le partecipate: "A casa i direttori generali" :ilSicilia.it
Messina

le prime mosse del nuovo sindaco di Messina

De Luca scioglie le partecipate: “A casa i direttori generali”

di
25 Giugno 2018

Cateno De Luca diventa sindaco di Messina e nel suo primo giorno alla guida della città non ha perso tempo nei festeggiamenti per il trionfo e ha già riunito la Giunta, preannunciando pubblicamente le sue mosse più immediate. Domani assegnerà le deleghe all’Esecutivo e mercoledì incontrerà i vertici delle partecipate del Comune per comunicare il “benservito” agli attuali reggenti delle società, che verranno messe in liquidazione.

“Dopo una campagna elettorale lunga e aspra – ha detto De Luca – bisogna iniziare subito ad amministrare. Il tempo delle parole è finito, ora passeremo ai fatti. La Giunta si insedierà domani e darò subito le deleghe e nominerò il vicesindaco. C’è la necessità di amministrare e dare risposte alle città. Mercoledì incontreremo tutti i vertici ed i direttori generali delle società partecipate. Lo dico immediatamente che l’intenzione di messa in liquidazione delle partecipate è confermata, quindi i vertici di queste società, per quanto mi riguarda, se ne possono ritornare a casa senza alcun problema. La messa in liquidazione non richiede la figura del direttore generale”.

Poi De Luca si è soffermato sulle vicende giudiziarie che lo hanno riguardato e sull’azione intrapresa nei confronti di alcuni esponenti della magistratura: “Ho fatto delle denunce, non sono illazioni, quando uno fa una denuncia alle autorità competenti e denuncia determinati fatti con nomi e cognomi non credo che si tratta di illazioni. Io prima faccio gli atti dovuti e poi li rendo pubblici. In questa campagna elettorale Bramanti ha detto di avermi querelato ma io non l’ho vista e se l’ha fatta buon per lui. Io la querela l’ho fatta e l’ho pubblicata, perché nella vita ci vuole sempre stile. Ci sono delle indagini in corso presso la Procura di Reggio Calabria dove noi abbiamo depositato migliaia di pagine sui miei 7 anni di calvario giudiziario, 17 procedimenti penali e 2 arresti hanno portato ad una persona totalmente incensurata e che non ha collezionato nessuna condanna. Sino a quando le indagini non si chiuderanno non ne posso parlare. Non ne ho parlato in campagna elettorale non perché avessi qualcosa da nascondere, ma semplicemente perché non ne posso parlare sino a quando la questione si chiuderà”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro