De Luca stanga i morosi: a Messina pronti 20 mila distacchi e riduzioni d'acqua :ilSicilia.it
Messina

50 squadre in azione da qui a Natale

De Luca stanga i morosi: a Messina pronti 20 mila distacchi e riduzioni d’acqua

di
15 Ottobre 2019

Insieme all’Amam abbiamo definito l’elenco di oltre 20 mila morosi che subiranno il distacco o la riduzione dell’acqua entro Natale. Leggere certi nomi tra i morosi fa veramente rabbia perché i grandi e blasonati morosi di professione, con evidenti coperture in Amam, nulla c’entrano con lo stato di indigenza”. Così il sindaco di Messina, Cateno De Luca, annuncia una risposta forte di Palazzo Zanca ai morosi dell’acqua, sia nei confronti quindi delle attività economiche che verso le utenze residenziali che risultano non in regola con i pagamenti delle bollette del servizio idrico.

Un’azione muscolare all’orizzonte da parte di De Luca e della sua Amministrazione a fronte di numeri clamorosi riguardanti le morosità sui tributi a Messina. 

“Dalla seconda settimana di novembre – afferma De Luca – saranno operative cinquanta squadre che dovranno effettuare almeno 10 distacchi (attività commerciali o liberi professionisti) o riduzioni di fornitura di acqua (famiglie e condomini) per squadra per un totale di almeno 500 operazioni al giorno. Abbiamo fatto un piano che prevede il distacco o la riduzione di almeno 20 mila utenti prima delle feste natalizie. Ai morosi lancio nuovamente un messaggio: vi consiglio di regolarizzare la vostra posizione immediatamente perché vi costerà di meno e non rimarrete senza acqua per lungo tempo”.

Amam MessinaOgni anno al compare scomparivano circa 80 mila euro di pagamento di acqua. Abbiamo scoperto che le situazioni del compare scompare sono tantissime: fatture mai emesse nei confronti di alcuni imprenditori perché qualcuno non li faceva emettere – continua De Luca -. Ora state attenti compari: ci sto pensando io a tutti voi. Fatele pure le assemblee sindacali, cari colleghi di Amam, ma sapete bene che i responsabili comunque si trovano tra di voi e più vi agitate e più l’agitazione diventa una vera e propria ammissione di colpa. Ringrazio, anzi, i colleghi dell’Amam che stanno contribuendo al risanamento aziendale facendo il loro dovere ed anche quello di qualche collega che rischia di essere mandato a casa perché si ostina a non capire che la pacchia è finita e che il panettone deve comprarselo perché il compare non ne porterà più“.

Poi l’ultima rivelazione al vetriolo del sindaco di Messina: “Lo sapete qual è il debitore più consistente e più moroso dell’Amam? L’Atm. Deve pagare 1.180.000,00 di acqua ad Amam risalenti agli ultimi cinque anni”.

 

LEGGI ANCHE:

Morosi dell’acqua: “Cittadini truffati da amministratori di condominio”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.