De Luca: "Troppi condomini morosi a Messina, sfratto a chi non paga l'affitto" :ilSicilia.it
Messina

blitz nella palazzine di Bisconte

De Luca: “Troppi condomini morosi a Messina, sfratto a chi non paga l’affitto”

17 Ottobre 2019

Cateno De Luca continua la sua battaglia contro i morosi a Messina. E dopo aver preannunciato per 20 mila utenze l’ecatombe di distacchi e riduzioni del servizio idrico in città che dovrebbe compiersi a partire da novembre per operatori economici e residenti, ora lancia un nuovo messaggio agli abitanti di ogni condominio dove si registrano pendenze verso la casa municipale anche per quanto concerne il canone d’affitto. Nel mirino del primo cittadino di Messina stavolta “la situazione di tutti i condomini di proprietà del comune di Messina o di proprietà dell’Iacp”.

A Bisconte – spiega De Luca – ci sono 189 inquilini. Ho chiesto la lista agli uffici comunali per capire come stanno le cose tra chi paga e chi non paga, e risulta che il 50% non paga. E sono in regola soltanto 45 inquilini mentre altri 45 sono parzialmente in regola. Ribadisco che rispetto al passato noi siamo persone attente e lo saremo sempre di più. Bisogna mettersi in regola al più presto, con acqua, servizi e quant’altro. E’ necessario regolarizzare le posizioni. A Messina ogni condominio è in questa situazione, uno più o uno in meno tutti hanno la stessa problematica di morosità”.

“Siamo presenti per dare risposte anche in termini di sicurezza – aggiunge De Luca -. Il non pagare crea un doppio danno perché per ogni euro che non riscuotiamo ne dobbiamo bloccare un altro di spesa, quindi avviso tutti in modo chiaro. Vale per Bisconte e vale per tutti gli inquilini dei condominii di Messina. Passeremo posto per posto e dopo le azioni di preavviso agiremo per lo sfratto. Le azioni esecutive noi non le annunciamo, le mettiamo in atto direttamente, senza alcuna discussione”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.