Decathlon a Palermo, c'è una nuova speranza: il Tar boccia il no del Comune :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Decathlon a Palermo, c’è una nuova speranza: il Tar boccia il no del Comune

di
27 Marzo 2021

il Tribunale amministrativo regionale ha bocciato il Comune di Palermo per il “no” al progetto di riconversione dell’ex area della Coca Cola in vista dell’apertura di Decathlon, colosso francese dell’abbigliamento sportivo che oggi sbarca anche a Trapani.

Una sentenza della seconda sezione presieduta da Cosimo Di Paola ha accolto il ricorso della Abate Spa, annullando il provvedimento del Suap del 20 maggio 2020 con il quale il Comune aveva rigettato per “incompatibilita’ urbanistica” il permesso alla ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d’uso dell’edificio. “E’ una sentenza importante che stabilisce – dicono Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega e vice presidente della commissione attivita’ produttive, e Massimiliano Miconi, presidente dell’associazione costruttori edili – come nelle zone D del Piano regolatore sia possibile il cambio di destinazione d’uso di un edificio. L’ex stabilimento Coca cola, classificato area industriale, puo’ quindi essere trasformato in area commerciale”.

Il caso Decatholn fa il paio con un’altra sentenza del Tar del febbraio scorso che ha annullato un provvedimento sempre del Suap contrario all’apertura nella zona del porto dell’Ostello Bello, una realta’ turistico-ricettiva con sedi a Milano, Como, Assisi e in Birmania fondata da tre giovani. “Le bocciature collezionate dalla burocrazia targata Orlando non si contano piu’ – aggiunge Anello – e dimostrano l’inefficienza di un’amministrazione nociva per il tessuto produttivo cittadino, per l’iniziativa imprenditoriale, per chi vuole scommettere su Palermo. A Trapani abbiamo Decathlon che inaugura la sesta sede nell’Isola portando lavoro e sviluppo, a Palermo invece e’ tutto fermo con un’amministrazione comunale che fa da zavorra alla citta’”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.