Decathlon a Palermo, c'è una nuova speranza: il Tar boccia il no del Comune :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Decathlon a Palermo, c’è una nuova speranza: il Tar boccia il no del Comune

di
27 Marzo 2021

il Tribunale amministrativo regionale ha bocciato il Comune di Palermo per il “no” al progetto di riconversione dell’ex area della Coca Cola in vista dell’apertura di Decathlon, colosso francese dell’abbigliamento sportivo che oggi sbarca anche a Trapani.

Una sentenza della seconda sezione presieduta da Cosimo Di Paola ha accolto il ricorso della Abate Spa, annullando il provvedimento del Suap del 20 maggio 2020 con il quale il Comune aveva rigettato per “incompatibilita’ urbanistica” il permesso alla ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d’uso dell’edificio. “E’ una sentenza importante che stabilisce – dicono Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega e vice presidente della commissione attivita’ produttive, e Massimiliano Miconi, presidente dell’associazione costruttori edili – come nelle zone D del Piano regolatore sia possibile il cambio di destinazione d’uso di un edificio. L’ex stabilimento Coca cola, classificato area industriale, puo’ quindi essere trasformato in area commerciale”.

Il caso Decatholn fa il paio con un’altra sentenza del Tar del febbraio scorso che ha annullato un provvedimento sempre del Suap contrario all’apertura nella zona del porto dell’Ostello Bello, una realta’ turistico-ricettiva con sedi a Milano, Como, Assisi e in Birmania fondata da tre giovani. “Le bocciature collezionate dalla burocrazia targata Orlando non si contano piu’ – aggiunge Anello – e dimostrano l’inefficienza di un’amministrazione nociva per il tessuto produttivo cittadino, per l’iniziativa imprenditoriale, per chi vuole scommettere su Palermo. A Trapani abbiamo Decathlon che inaugura la sesta sede nell’Isola portando lavoro e sviluppo, a Palermo invece e’ tutto fermo con un’amministrazione comunale che fa da zavorra alla citta’”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin