Decathlon a Palermo, insorgono opposizione e sindacato: "Occasione perduta. Orlando alla frutta" :ilSicilia.it
Palermo

un investimento da venti milioni

Decathlon a Palermo, insorgono opposizione e sindacato: “Occasione perduta. Orlando alla frutta”

di
18 Aprile 2019

“Siamo alle battute finali aveva dichiarato lo scorso gennaio l’assessore alle attività produttive pro tempore a proposito del via libera all’apertura di Decathlon a Partanna Mondello, mentre in realtà siamo alle battute finali per l’amministrazione Orlando che probabilmente non sa più che pesci prendere”. Lo afferma la deputata nazionale di Fratelli d’Italia Carolina Varchi.

“L’assessore affermava che si era giunti alle battute finali senza essere a conoscenza, probabilmente, a che punto si trovasse la pratica nei suoi stessi uffici – afferma Varchi – adesso l’assessore si trova nell’imbarazzo di dover parare i colpi come può. L’ amministrazione del sindaco Leoluca Orlando, al di là della questione Decathlon, che appare già delicatissima per la sua complessità, deve comprendere una volta per tutte che imprese e commercio sono il cuore pulsante di Palermo, che vive grazie agli uffici pubblici e alle imprese private, per lo più attività commerciali”.

“L’assessore Giusto Catania – prosegue Carolina Varchi pensa a fare la ‘rambla’ in salsa palermitana e dopo aver dato un colpo al cuore a via Roma con la Ztl, che ha comportato la chiusura di oltre 100 vetrine, non ha idea su come incentivare le imprese”.

“Bloccare, ostacolare, tergiversare, nicchiare – aggiunge Varchi – sono atteggiamenti insopportabili sia per chi è pronto ad investire e a scommettere sulla città che per tutti coloro che hanno già scommesso e si attendono l’efficienza di una burocrazia e di una amministrazione che devono soltanto fare il loro dovere, cioè a aiutare, supportare e sostenere quanti vogliono investire per rendere Palermo una città produttiva”, conclude.

A farle da eco, Franco Fasola, Segretario responsabile dell’Ugl di Palermo: “La burocrazia e la mancanza di comunicazione fra le funzioni preposte all’urbanistica a Palermo, fan si che si verifichino casi come l’investimento oramai in bilico per Decathlon”.

“E’ una notizia che non possiamo fare a meno che commentare con grande amarezza e disappunto a causa delle innumerevoli pastoie comunali, in quanto rischiamo di perdere ancora una volta una grande opportunità per la nostra economia cittadina e per l’occupazione intera”.

Il consigliere comunale e componente della commissione Urbanistica Giulio Tantillo, nei giorni scorsi ha preannunciato un incontro con l’assessore per un chiarimento.

Il deputato Ars di DiventeràBellissima, Alessandro Aricò, ha preannunciato “un’interrogazione urgente per chiedere di fare luce sui ritardi dell’iter relativo all’eventuale realizzazione di Decathlon a Palermo”.

 

LEGGI ANCHE:

Decathlon a Palermo? Problemi su problemi e si allontana la possibilità di aprire lo store in città

Stop a Decathlon? Il Comune smentisce ma non troppo: “Complessità tecniche”

Decathlon addio, Palermo perde milioni e posti di lavoro per un parcheggio | Fotogallery

Rivoluzione nel commercio: Decathlon aprirà a Palermo

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin