Decreto aiuti bis: sconto benzina, bonus e caro energia TUTTE LE MISURE :ilSicilia.it

cosa cambia per gli italiani

Decreto aiuti bis: sconto benzina, bonus e caro energia TUTTE LE MISURE

di
5 Agosto 2022

E’ stato approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto aiuti bis, composto da 41 articoli. Rifinanziati bonus psicologo e trasporti, i 200 euro a chi è stato escluso nel primo semestre. Tra le novità del nuovo decreto anche il taglio al cuneo fiscale ampliato di un punto, bollette e pensioni.

Il provvedimento affronta diverse tematiche: energia, carburanti, emergenza idrica, enti territoriali, politiche sociali, agevolazioni per le imprese, istruzione, con un valore di “15 miliardi, più altri circa due di misure aggiuntive” per un totale di “17 miliardi da aggiungere ai circa 35 miliardi” delle norme già approvate nel corso dell’anno dal governo.

La crescita annuale acquisita finora è pari al 3,4%, più di quanto stimato per tutto il 2022. E’ un dato molto positivo anche confrontato con tutti gli altri paesi – ha affermato in conferenza stampa il premier Mario Draghi – Cresceremo più di Francia e Germania”.

Ecco cosa prevede:

I BONUS
1) 200 euro per i lavoratori dipendenti viene esteso a coloro che non ne hanno beneficiato nella prima parte dell’anno.

2) psicologo

3) trasporti

CUNEO FISCALE

Il taglio del cuneo fiscale si amplia di 1.2% per la platea già coinvolta dalla decontribuzione di 0,8 punti prevista dalla legge di bilancio, ovvero per i redditi fino a 35,000 euro. La misura, retroattiva a partire da luglio, vale complessivamente 1,6 miliardi (786 milioni nel 2022 e 831 milioni nel 2023).

PENSIONI

Rivalutazione del 2% delle pensioni a partire dal primo ottobre, tredicesima compresa, e l’anticipo del conguaglio. Sono comprese tredicesima e anticipo del conguaglio. L’onere netto per la finanza pubblica per i pensionati è di 1,4-1,5 miliardi. Come atteso, viene inoltre esteso di un mese il taglio delle accise sui carburanti, fino al 20 settembre 2022.

Mario Draghi

LAVORATORI AUTONOMI

Il Fondo per il sostegno del potere d’acquisto dei lavoratori autonomi viene rifinanziato e la sua dotazione passa da 500 a 600 milioni.

LIQUIDAZIONI ALITALIA

Ricalcolo dei proventi della liquidazione dell’ex Alitalia.

WELFARE AZIENDALE

Eventuali contributi da parte delle aziende per “il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale” rientreranno nelle regole del welfare aziendale. Resta al 5% l’Iva sul gas.

CARO ELETTRICITA’

L’Arera – Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente – annullerà, per il quarto trimestre 2022, le aliquote relative agli oneri generali di sistema elettrico applicate alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche in bassa tensione, per altri usi, con potenza disponibile fino a 16,5 kW. Annullate anche le aliquote applicate alle utenze con potenza disponibile superiore a 16.5 kW, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico. L’impatto della norma viene valutato in 1,1 miliardi per il 2022.

CONTRATTI

Si prevede la sospensione delle modifiche unilaterali dei contratti di fornitura di energia elettrica e gas naturale. La norma sospende fino al 31 ottobre l’efficacia di ogni eventuale clausola contrattuale che consente all’impresa fornitrice di energia elettrica e gas naturale di modificare unilateralmente le condizioni generali di contratto, relative alla definizione del prezzo nei rapporti con i clienti domestici, ancorché sia contrattualmente riconosciuto il diritto di recesso alla controparte. Fino a quella data, si precisa, sono inefficaci anche i preavvisi per queste finalità. Nel provvedimento è prevista anche la rateizzazione delle bollette, anche se il relativo articolo è ancora vuoto.

CREDITO D’IMPOSTA

Arrivano 3,373 miliardi di euro per finanziare il credito d’imposta a favore delle imprese a forte consumo di energia elettrica e gas naturale. La cifra è prevista in bozza, in attesa della conferma definitiva.

TUTELE AI “VULNERABILI”

Per i clienti con maggiori difficoltà (economiche, disabili, over 75, isole minori…)nel settore del gas naturale e rafforzamento del bonus sociale su luce e gas. Per questi soggetti, il dl prevede, da gennaio 2023, la fornitura di gas naturale a un prezzo che rifletta tra l’altro “il costo effettivo di approvvigionamento nel mercato all’ingrosso”.

La bozza circolata nelle scorse ore aveva messo i sindacati sul piede di guerra. In particolare ci si aspettava un taglio maggiore del cuneo fiscale. Conti alla mano, per un lavoratore, per ogni mille euro di stipendio ci sono 10 euro in più di aumento lordo al mese. In media, in sei mesi, i lavoratori dipendenti otterrebbero appena 100 euro lordi di aumento.

Sulle pensioni, invece, la rivalutazione del 2% comporterebbe un aumento di 10 euro lordi ogni 500 di pensione. Mentre l’anticipo del conguaglio dello 0,2% frutterebbe 1 euro ogni 500. In totale sarebbe meno del bonus 200 euro una tantum finito nelle buste paga dei lavoratori a luglio.

ASSEGNO UNICO 

Arriva una riduzione di 630 milioni alla dote per il 2022 per l’assegno unico: lo prevede l’ultima bozza del decreto aiuti bis, ancora soggetta a modifiche. La sforbiciata arriva in seguito al “monitoraggio al 30 giugno” della spesa che l’Inps effettua ogni mese, come previsto dalle norme che hanno istituito l’assegno, “anche in via prospettica sulla base delle domande pervenute e accolte”.

ILVA

Nella bozza arrivata in Consiglio dei ministri c’è anche una norma per salvare l’Ilva viene autorizzata la possibilità di sottoscrivere aumenti di capitale fino ad un miliardo di euro. Lo prevede una nuova bozza, ancora soggetta a modifiche, del decreto aiuti bis. Nell’articolo contenente misure urgenti per il sostegno alla siderurgia, non si fa esplicito riferimento all’Ilva, ma si autorizza Invitalia a “sottoscrivere aumenti di capitale o diversi strumenti, comunque idonei al rafforzamento patrimoniale, anche nella forma di finanziamento soci in conto aumento di capitale, ulteriori rispetto a quelli previsti ai precedenti periodi” e fino ad un importo non superiore a un miliardo di euro.

ASSEGNO “PROFESSORE ESPERTO”

Nasce il docente “esperto” che guadagnerà 5.650 euro in più sotto forma “assegno annuale ad personam”. Per la nuova figura professionale, è prevista “una tantum” accessoria da stabilire con i contratti tra il “10 e il 20%” per chi completa un percorso triennale. Non potranno essere più di 8mila lavoratori all’anno e saranno selezionati tra i docenti di ruolo che “abbiano conseguito una valutazione positiva nel superamento di tre percorsi formativi consecutivi e non sovrapponibili”.

FRINGE BENEDIT

Nel nuovo decreto Aiuti bis, rientra anche il raddoppio della quota esentasse per i cosiddetti “fringe benefit”. La quota di benefit aziendali esentasse passa da 258 a 516 euro, com’era già avvenuto durante l’emergenza Covid-19

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro