20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

dopo la decisione del consiglio comunale

“Decreto sicurezza” a Castelbuono, Gelarda: “Sospenderlo è da irresponsabili”

5 dicembre 2018

La Lega Salvini Premier si scaglia contro la decisione del Consiglio comunale di  Castelbuono di sospendere su tutto il territorio comunale l’applicazione del “Decreto sicurezza”, varato dal governo e recentemente approvato dai due rami del Parlamento, e lo fa per bocca di Igor Gelarda, responsabile enti locali.

Igor Gelarda
Igor Gelarda

“Con questa delibera – sottolinea Gelardaa Castelbuono si rischia di creare un precedente pericoloso, perché di fatto si invitano istituzioni e cittadini a disapplicare la legge, per giunta con riferimento a un provvedimento che mira a rafforzare i dispositivi di garanzia della sicurezza pubblica  con particolare attenzione alla minaccia del terrorismo e della criminalità organizzata di tipo mafioso e a migliorare il circuito informativo tra le forze di polizia e l’autorità giudiziaria”.

“Il ‘decreto Salvini’ – continua  – infatti mira anche a prevenire e contrastare le infiltrazioni negli enti locali e al fine di combattere la criminalità, assegna risorse per la videosorveglianza e la sicurezza dei cittadini. Per non parlare del rafforzamento dello scambio di informazioni tra le diverse amministrazioni interessate al fenomeno della criminalità. Tutte azioni pensate per favorire la sicurezza e il rispetto delle regole”.

A fronte di tutto questo, la Lega rassicura i cittadini castelbuonesi, che anche a Castelbuono saranno garantiti il rispetto della legge e il mantenimento delle condizioni di sicurezza e legalità a cui tutti hanno diritto – conclude Gelarda – nonostante le piazzate, evidentemente strumentali a fini propagandistici, di alcuni esponenti politici locali”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.