Decreto Sicurezza, a Palermo l'ufficio Anagrafe volta le spalle a Orlando :ilSicilia.it
Palermo

il braccio di ferro

Decreto Sicurezza, l’ufficio Anagrafe volta le spalle a Orlando

di
9 Gennaio 2019

Proseguono le polemiche a Palermo sull’applicazione del Decreto Sicurezza: gli impiegati dell’Ufficio Anagrafe rigettano la direttiva del sindaco Leoluca Orlando e si rifiutano di firmare i documenti per le iscrizioni dei richiedenti asilo e dei migranti in attesa di permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Lo rende noto il Giornale di Sicilia che, nell’edizione in edicola oggi, fa il punto sul “braccio di ferro” col ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Negli uffici di viale Lazio i 4 impiegati si starebbero limitando a fissare gli appuntamenti, senza firmare nulla e prendendo tempo. Da parte sua, Orlando – che è ufficiale d’anagrafe – aveva detto che avrebbe firmato lui i certificati per evitare di esporre direttamente i dipendenti, evitando loro denunce per abuso d’ufficio.

I quattro dipendenti comunali, nello loro lettera al capo area Maurizio Pedicone, si dicono preoccupati dalla direttiva del sindaco di violare la legge e di commettere un abuso d’ufficio. Da qui il rifiuto e il sostegno da parte dei sindacati.

La palla finale passa comunque dalle mani della Prefettura che deciderà sull’applicazione del decreto Salvini.

 

LE REPLICA DEL COMUNE:

Il Capo Area Maurizio Pedicone chiarisce che nei giorni scorsi e per un numero limitato di casi, a seguito delle note vicende che hanno determinato incertezza sul piano giuridico e normativo, gli uffici competenti hanno proposto agli utenti un successivo appuntamento personale per la registrazione delle istanze.

“Ovviamente, tanto i cittadini stranieri quanto i cittadini italiani che volessero depositare al protocollo istanze di qualsiasi tipo possono farlo in qualsiasi momento per l’avvio della fase istruttoria che terminerà con accettazione o diniego entro i tempi previsti dalla normativa, previa, ove necessaria, interlocuzione con l’utente interessato.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.